2 visite 0 commenti

Technobabylon Recensione

Di nuovo nella matrice

il 3 giugno 2015 (16:41) di
 

Il cyberpunk è un genere letterario che affonda le sue radici nella fantascienza, abbandonando però tutti quegli stilemi e archetipi narrativi cari agli amanti delle avventure spaziali che abbiamo imparato ad associare al genere.

Come lascia presagire il nome stesso, il focus di questo filone narrativo è più incentrato su scenari maggiormente cupi e negativi, dove la tecnologia avanzata (la parte “cyber” del nome stesso) è alla portata di tutti, persino delle classi più disagiate, povere e in perenne conflitto con uno Stato sempre più diviso in caste e oppressivo, uno scenario non diverso dalla lotta di classe che ha portato alla nascita del movimento Punk inglese.

Technobabylon (1)

La storia stessa del genere è legata a doppio filo al medium del videogioco, e, sebbene le opere propriamente indicate come capostipiti del genere anticipino la nascita del videogioco così come lo conosciamo oggi, titoli più moderni come Snow Crash (inizialmente nato come sceneggiatura per un videogioco davventura non dissimile da Technobabylon) o Ready Player One, che fa del videogioco il focus centrale del racconto, non fanno mistero del legame che lega i due medium. Un legame a doppio verso, data la recente rinascita dei videogiochi a tema cyberpunk dellultimo periodo, da Deus Ex Human Revolution a Shadowrun Returns, sino allatteso Cyberpunk 2077, il mondo del videogame sembra deciso a non dimenticare il genere letterario che più incarna gli ideali del videogiocatore hardcore.

I ragazzi di WadjetEye, un piccolo team indie di quattro persone con sede a Brooklyn, non fanno mistero del loro apprezzamento per il genere cyberpunk. Già autori di svariate avventure grafiche dal grande successo di critica, come la serie di Blackwell, e publisher del fortunato Gemini Rue, titolo dalle tinte cyberpunk e noir, riconfermano la loro fiducia nel genere pubblicando questo Technobabylon, altra avventura grafica dai toni retrò creata dalla piccola casa di sviluppo inglese Technocrat Games.

Technobabylon (2)

Ambientato nella città di Newton, nel 2087, Technobabylon trasporta il giocatore in un mondo dove le intelligenze artificiali avanzate non sono più un lontano miraggio, dove lingegneria genetica è ormai la norma e una variante di Internet chiamata Trance è in grado di avviluppare i propri utilizzatori in un mondo virtuale quasi totalmente slegato dalla realtà. A usufruire in modo massiccio di Trance troviamo la prima dei tre protagonisti, Latha Sesame, sociofobica tecno-reclusa con due personalità completamente differenti, una per la rete e una per il mondo reale, potenziale futura vittima di un Mindjaker, hacker dirottatore di menti. A indagare e vegliare su di lei saranno gli altri due personaggi giocabili, Charlie e Max, due agenti di sicurezza del CEL sulle tracce del pericoloso Hacker.

Le tre storie finiranno per allacciarsi e scontrarsi, mentre, con lavanzare dei capitoli, la storia diventerà sempre più intensa e ricca di colpi di scena. Il gameplay di Technobabylon sarà immediatamente familiare sia ai giocatori di vecchia data, cresciuti a pane e Monkey Island, sia a coloro che si sono ormai abituati al genere punta e clicca grazie alle altre avventure offerte da WadjetEye. Sebbene la gran parte dellesplorazione e dellavanzamento durante la trama venga effettuata grazie a sapienti click del mouse nei punti giusti dello scenario, sarebbe ingiusto nei confronti degli sviluppatori dire che il gioco non presenti elementi di novità. Più importante tra tutti gli elementi di gioco alternativi è sicuramente lutilizzo della funzione Trance, capace di trasportare Latha in un mondo alternativo dove interagire con la versione “fisica” degli attrezzi elettronici, caratterizzati in modo eccelso e variegato, per risolvere gli enigmi posti a sbarrarci la strada.

Technobabylon (3)

Lintero impianto narrativo, capace di essere estremamente serio quando necessario, è percorso da una sottile ironia di fondo, presente soprattutto nei dialoghi secondari, nelle lunghe sessioni testuali delle email e in tutti quegli elementi opzionali che arricchiscono il gioco rendendolo più vivo e pulsante rispetto ai tanti concorrenti che riducono lavventura grafica al minimo indispensabile per raggiungere la schermata finale. La componente grafica è probabilmente lelemento più controverso del gioco, dato che mostra tutta la limitatezza dellAdventure Game Studio, motore grazie al quale è stato costruito il gioco. Nonostante la bassa risoluzione non scalabile e larretratezza del sistema, però, lart design di Technobabylon dimostra di non essere secondo a nessuno grazie al design degli scenari ispiratissimi, urbani e credibili, perfettamente in tema con lanima cyberpunk del gioco, ma anche grazie ai ritratti dei personaggi piacevolmente animati e realistici al punto giusto, alle animazioni e al generale feeling retrò, capace di riportare alla mente le avventure grafiche dei bei tempi passati.

La colonna sonora, poi, stupisce per la sua qualità, con pezzi decisamente piacevoli alludito e che ben accompagnano latmosfera generale, uniti a un comparto sonoro più ricco di quanto ci si potrebbe aspettare da un titolo di questa portata, composto da centinaia di dialoghi doppiati anziché lasciati a esprimersi grazie alle sole finestre di testo, come abitudine degli adventure games. La longevità, più che soddisfacente già al primo completamento, è ulteriormente garantita dalla possibilità di scelte da operare e dalla possibilità di ottenere due finali molto differenti tra loro, oltre che dalla possibilità di sbloccare i quaranta achievement di gioco.


Iscriviti al canale di G969:

FacebookRedditPocketPrint


Commento finale
 

Technobabylon è un gioiellino indie che dimostra come nel mondo delle avventure grafiche contino ancora le idee degli sceneggiatori e la capacità di creare un mondo e dei personaggi credibili e avvincenti.
Fortemente derivativo, nel senso positivo del termine, è grandemente consigliato a tutti coloro che già conoscono e apprezzano il filone del cyberpunk o a coloro che ne sono affascinati, ma anche a quanti semplicemente cercano un punta e clicca vecchia maniera, con enigmi capaci di mettere alla prova la materia grigia.

Il Gioco
 
Sviluppatore

Technocrat Games

Publisher

WadjetEye Games

Data di uscita

21 Maggio 2015

Pro

- Atmosfera fantastica
- Personaggi ben caratterizzati
- Storia avvincente

Contro

- Motore di gioco datato
- Niente localizzazione italiana

Redazione
Il voto di G969
8.5


Per maggiori informazioni su questo voto leggi la nostra policy sulle recensioni