1 visite
FacebookTwitterGoogle+RedditLinkedInPocket
3 commenti

Samurai Warriors 4 Recensione

Stavolta si mena in Giappone!

il 24 ottobre 2014 (15:02) di @skynet969
 

samurai warriors 4Samurai Warriors, a differenza di Dynasty Warriors, che si concentra sui conflitti della Cina antica, racconta le vicende di tutti quei personaggi che vissero e resero possibile lunificazione del Giappone durante il 1600. Questa quarta iterazione del franchise introduce nella struttura di gioco una serie di elementi tratti direttamente dal capitolo portatile, Samurai Warriors: Chronicles, imbastendo una modalità di gioco che omaggia proprio il capitolo Nintendo 3DS riprendendone il nome.

Il genere musou è solo una moda del momento o continuerà ad accompagnare la pubblicazione di titoli per le nuove console da gioco? E questo ennesimo capitolo del filone riesce a mantenere alto linteresse di un genere ormai inflazionato? Certo, forse il periodo è uno dei più complessi di sempre nellambito videoludico, eppure Samurai Warriors 4 è riuscito a convincerci sotto praticamente tutti gli aspetti. E ora vi spieghiamo perché.

samurai warriors 4 recensione screenshot 1

Oda Nobunaga, in un tiepido giorno primaverile

samurai-warriors-4-ps4-screenshot 2La serie narra le vicende degli esponenti di alcuni dei clan di nobili combattenti con occhi a mandorla più noti in assoluto nella narrativa dedicata con tanto di volti inediti creati ad hoc per loccasione, ma questo è un altro discorso -, e si riferisce a un lasso di tempo che va dal tardo 1500 alla metà del 1600. Nella modalità storia è possibile seguire le gesta di 10 famiglie impegnate nelle più disparate lotte per la conquista dei territori del Giappone, con tanto di due capitoli extra da sbloccare solo successivamente per approfondirne le circostanze o scoprire i retroscena legati alle convinzioni dei protagonisti. Ovviamente, estetica e tono della narrazione non hanno nulla a che vedere con la realtà storica, e il titolo è da considerarsi una sorta di versione romanzata e filtrata dallocchio tipicamente pop dei prodotti del Sol Levante di quel dato periodo storico. Capita quindi di vedere personaggi dalle pettinature e dalle armi più improbabili certo, non ai livelli di Devil Kings di Capcom, ma poco ci manca comportarsi seguendo le più classiche linee della caratterizzazioni enfatiche dei prodotti dintrattenimento giapponesi, ma questo non deve affatto stupire, considerando come il tutto venga spesso raccontato come una sorta di racconto wuxia con protagonisti dalla cosmesi manga.

Ogni livello prevede che si portino a termine determinati obiettivi primari ed eventuali missioni secondarie. Come anticipato poco sopra, Samurai Warriors 4 riprende la possibilità di cambiare personaggi on air dal capitolo portatile pubblicato su Nintendo 3DS, permettendo di scegliere due combattenti a inizio livello e cambiarli in tempo reale durante il gioco. Quando non si controlla in prima persona un eroe, laltro è affidato a una IA a sua volta influenzabile con ordini di diversa natura. La possibilità di cambiare personaggio durante le battaglie è una graditissima aggiunta che moltiplica e amplifica a dismisura la componente strategica del titolo che, come tradizione vuole, si conferma più profondo di quanto possa far sembrare la sua somiglianza con la serie Dynasty Warriors.

samurai-warriors-4-ps4-screenshot-43

Tecnica segreta colpo speciale!

samurai-warriors-4-ps4-screenshot-6-recensioneIl sistema di combo può contare su diverse tipologie dattacco concatenabili ed è espandibile con laumentare del livello dei personaggi. Ogni tipo di colpo (normale, forte o iper) accresce il proprio valore offensivo basandosi sullo stile di gioco di chi impugna il pad, permettendo quindi un approccio molto elastico allofferta ludica del gioco. Super colpi e roboanti tecniche distruttive possono ora contare su unulteriore modalità chiamata rage in cui il personaggio prescelto, al costo di una barra da riempire a furia di prodezze sul campo, beneficerà di un notevole bonus statistico per un breve lasso di tempo.

Modalità storia e modalità libera permettono di combattere sia online sia offline in compagnia di amici, ma il fiore allocchiello della produzione è la già nominata modalità Chronicles che permette di creare un proprio avatar tridimensionale e lanciarsi nella conquista del Giappone. Muovendosi sulla mappa del paese del Sol Levante come si farebbe su una scacchiera, il titolo prevede che il proprio eroe personalizzato possa stringere alleanze, dichiarare guerre e vivere struggenti amicizie raccontate da schermate testuali e brevi sequenze cinematiche con tutti i personaggi presenti nel gioco, senza dimenticarsi di introdurre ulteriori elementi ludici più o meno riusciti. Il sistema di affinità ricompenserà i giocatori più attenti alle necessità dei coloratissimi combattenti con la possibilità di personalizzare lo stile di combattimento del proprio alter ego tridimensionale con la movelist e le armi degli amici più vicini. A tal proposito: seppur a differenza di Dynasty Warriors 8 Xtreme Legend Complete Edition i protagonisti possono optare per una sola tipologia di armi, queste possono essere potenziate, fuse e personalizzate utilizzando le pietre preziose lasciate a terra dai generali sconfitti.

samurai warriors 4 screenshot recensione

Su PS4 lesperienza di gioco è assolutamente velocissima. Mai ci era capitato di poter giocare a un titolo della serie Musou saggiandone una fluidità ancorata saldamente ai 60fps. Ledizione current gen può vantare un sistema dilluminazione riscritto e una qualità delle texture generalmente migliore di quella vista nelle edizioni PS3 e PS Vita dello stesso. Nulla di eclatante: difficilmente si parlerebbe di Samurai Warriors 4 come di un titolo appartenente alla nuova generazione di console, pad alla mano, ma lo sforzo profuso dai grafici di Omega Force è evidente. Doppiaggio in sola lingua giapponese e una ricchissima raccolta di brani rock dalle influenze orientaleggianti completano la produzione, ricordandoci come la serie possa contare su un comparto artistico sempre in grado di calare i giocatori nelle atmosfere shonen-goderecce del franchise.


Iscriviti al canale di G969:

Commento finale
 

Samurai Warriors 4 è il capitolo più completo e più solido della serie di riferimento, nonché uno dei titoli "musou" migliori sul mercato. Per la felicità dei fan e la meraviglia dei curiosi, ne consigliamo l'acquisto. Sperando che Koei Tecmo s'impegni a portare una ventata davvero rivoluzionaria al genere "botte da orbi".

Il Gioco
 
Sviluppatore

Omega Force

Publisher

Koei Tecmo

Data di uscita

24/10/2014

Redazione
Il voto di G969
8.0

Passa su per votare
Lettori
Il voto dei lettori

Hai votato

Pro

- Tantissimi personaggi fra cui scegliere
- Gameplay più profondo di quanto sembri
- La modalità chronicles

Contro

- Non così diverso dagli episodi della serie "musou"
- Tecnicamente non next gen

Per maggiori informazioni su questo voto leggi la nostra policy sulle recensioni
  • Zarusama

    Sono davvero contento ti sia piaciuto, io trovo sia il capitolo migliore dei musou fino ad ora pubblicati (anche meglio di DW3 e 8 :P)

  • http://www.lucciolelanterne.eu/ Riccardo Minisola

    Immagino che i fan della saga saranno estasiati io non li ho mai capiti. XD

  • Alessandro Baravalle

    Non ho mai compreso a pieno linteresse per questo genere di titoli ma un giorno mi avvicinerò al genere