2 visite 0 commenti

Saints Row Gat out of Hell Recensione

Questo matrimonio non s'ha da fare

il 26 gennaio 2015 (11:45) di @Demonico7
 

Lultimo capitolo della serie Volition arriva su PlayStation 4 e Xbox One con unedizione riveduta e corretta e lespansione standalone Gat out of Hell, ulteriore incentivo a (ri)scoprire quello che molto probabilmente è il capitolo meglio riuscito del franchise.

Saints Row Gat out of Hell potrebbe benissimo essere uno spin-off del titolo originale, dato che si rivela unesperienza indipendente, nonostante levidente riciclo di alcune caratteristiche prese di peso da Saints Row 4, come i superpoteri, adesso non più generati dalla natura virtuale della Steelport ricostruita dagli alieni, ma provenienti dal microcosmo demoniaco che fa da ambientazione alla nuova avventura dei Saints, e il medesimo gameplay fracassone e disimpegnato che caratterizza il quarto capitolo del franchise.

Una passeggiata allInferno

saints row gat out of hell

E un gran giorno nellAverno, dato che il Presidente degli Stati Uniti sta per sposare nientemeno che la figlia di Satana, Jezebel, in virtù delle proprie abilità distruttive che agli occhi del Signore degli Inferi lo hanno reso lunico partito in grado di ambire alla mano della sua dolce figliola. Tocca stavolta a Johnny Gat e Kinzie entrare in azione per recuperare il loro capo e liberarlo dalle grinfie del diavolo in quella che è, ancora una volta, una sceneggiatura eccessiva, divertente e capace di trascinare il giocatore in un vortice di follia e svariati colpi di genio fin dai primi passi in quel di New Hades.

Questo DLC è quindi un inno al più completo giocazzeggio, che richiede all'utente di generare quanto più caos e devastazione possibile.Nel corso dellopera di salvataggio i due incroceranno sul loro cammino alcuni personaggi storici, come Shakespeare, Vlad e il pirata Barbanera, presenti in una veste decisamente improbabile, rivelandosi preziosi alleati. Al contrario di quanto accade in Sains Row 4, Gat out of Hell chiarisce fin da subito limportanza delle attività secondarie. A fronte di unesile storyline principale, infatti, queste sono a dir poco fondamentali per progredire nella propria missione, dato che, a ogni incarico completato con successo, corrisponde un leggero aumento della barra di distruzione, fondamentale per attirare lattenzione del demonio e arrivare così allo scontro finale. Questo DLC è quindi un inno al più completo giocazzeggio, che richiede allutente di generare quanto più caos e devastazione possibile, passando da un incarico allaltro e portando a termine le tante sfide a disposizione, anche queste, proprio come avvenuto con mezzi di trasporto, armi e pedoni, rivisitate per loccasione. Le sempre divertenti truffe assicurative, giusto per fare un esempio pratico, vedono ora protagoniste povere anime in pena, pronte a tutto pur di scontare al più presto i secoli restanti.

saints row gat out of hell recensione

Come da tradizione, la varietà degli incarichi è azzeccata e le tipologie di missioni, sebbene tutte incentrate sulla distruzione, sono in grado di tenere il giocatore impegnato ben più delle sei ore necessarie a portare a termine il proprio compito principale, senza contare che i completisti che hanno intenzione di potenziare al massimo le abilità e le armi in dotazione ai protagonisti dovranno necessariamente mettere in conto qualche ora aggiuntiva, facendo di Gat out of Hell unespansione decisamente soddisfacente in termini di contenuti, un aspetto tenuto sempre in grande considerazione fin dal primo capitolo del franchise. Con questa espansione standalone, Volition ha preferito sacrificare quasi del tutto le sequenze di intermezzo in virtù di più sbrigative illustrazioni che strizzano locchio agli antichi tomi medievali, accompagnate da una voce fuori campo che si occupa di delineare gli sviluppi del plot narrativo.

Gli amanti della distruzione, e soprattutto tutti coloro che hanno apprezzato Saints Row 4 o la sua nuova incarnazione Re-Elected, che abbiamo recensito a questindirizzo, si troveranno sicuramente a loro agio anche tra le strade e i cieli di New Hades, mentre chi è alla ricerca di una storia più complessa e di un gameplay ragionato e di moderna concezione molto probabilmente si troverà spaesato dalle meccaniche proposte da Gat out of Hell, titolo che trascina lutente da unattività allaltra in maniera frenetica e spesso anche più caotica del solito. Abbracciando i pregi del quarto capitolo della serie, lespansione viene inevitabilmente investita anche dei difetti, risultando ripetitiva per tutti i giocatori che amano seguire una storyline ben delineata e non sono interessati a sviluppare al massimo le tante abilità dei protagonisti.

Saints Row Gat out of HellSaints Row Gat out of Hell recensione ps4

Dal punto di vista tecnico, Saints Row Gat out of Hell non propone evidenti passi in avanti rispetto a Saints Row 4, presentando nuovamente le medesime problematiche legate a un comparto tecnico non particolarmente rifinito e non in grado di sfruttare le capacità delle piattaforme current-gen. La risoluzione in full HD non va infatti a braccetto con unadeguata densità poligonale e con i dovuti accorgimenti che era lecito aspettarsi anche dalledizione Re-Elected del titolo, che tradisce tutta la sua genesi old-gen, con frequenti fenomeni di pop-up, inspiegabili vista la povertà in termini di densità poligonale e profondità del colpo docchio, e un evidente aliasing. Agli osservatori più attenti non sfugge inoltre che la stessa New Hades, nonostante la buona quantità di elementi a tema demoniaco introdotti, ricicla numerosi componenti dalla vecchia Steelport.


Iscriviti al canale di G969:

FacebookRedditPocketPrint


Commento finale
 

Abbandonata la volgarità di Saints Row 3, Gat out of Hell si contraddistingue per la sua indipendenza dall'ultima iterazione del franchise, permettendo agli utenti più smaliziati di vivere una folle avventura, condita da un tagliente senso dell'umorismo e da un'ottima offerta in termini di contenuti, in quel di New Hades, seminando caos e distruzione fino ad arrivare al cospetto di Satana. L'acquisto di quello che più di un DLC è un vero e proprio spin-off è assolutamente consigliato a chi ha apprezzato Saints Row 4 e la svolta data alla serie firmata Volition tramite l'introduzione dei superpoteri.

Il Gioco
 
Sviluppatore

Volition

Publisher

Deep Silver

Data di uscita

23/01/2014

Pro

Grande mole di contenuti;
Buona longevità;
Uno spin-off più che un'espansione;

Contro

Scarsa IA;
Comparto tecnico ben poco current-gen;

Redazione
Il voto di G969
7.5


Per maggiori informazioni su questo voto leggi la nostra policy sulle recensioni