1 visite 0 commenti

OlliOlli 2 Welcome to Olliwood Recensione

Un blockbuster indie

 

Come si fa a bissare il successo di un gioco? Semplice: si prende il concetto originale, che è risultato vincente, si cambia lo scenario di riferimento, si infarcisce di divertenti giochi di parole e voilà, il gioco è fatto (in tutti i sensi!). I ragazzi di Roll7, lo studio britannico che ha creato il divertente e coinvolgente OlliOlli, hanno deciso di applicare questa formula al seguito del loro gioco di skate, ma saranno riusciti a replicarne il successo?

Welcome to Olliwood

Come è successo a Joe Danger, gli sviluppatori britannici hanno deciso di ambientare OlliOlli 2 nientepopodimenoche a Olliwood (sic!), per cui come sfondo alle nostre destrezze sulla tavola a rotelle avremo scenari tipici della cinematografia americana. Il gameplay rimane invariato: impersoniamo un ragazzetto con cappellino e skate che deve attraversare alcuni livelli, compiendo tricks, slides e acrobazie varie per sbloccare nuovi obiettivi e livelli. Con la levetta analogica sinistra dovremo far compiere delle evoluzioni al nostro alter-ego e con il tasto X del controller (o di PSVITA, visto che il gioco è cross-buy) dovremo fargli compiere degli atterraggi perfetti. Se il vostro tempismo non sarà impeccabile, vi vedrete azzerare immediatamente il punteggio che faticosamente avrete racimolato compiendo una miriade di tricks. Se non avete giocato il primo titolo, sicuramente il sistema di controllo inizialmente vi apparirà abbastana difficile e frustrante, ma i Roll7, consapevoli di ciò, hanno deciso di permettervi di allenarvi nello Skatepark. In sostanza, si tratta di un lungo tutorial dove potrete sperimentare le varie combinazioni di comandi che vi permetteranno di diventare uno skater provetto, perlomeno su schermo.

olliolli2 welcome to olliwood (1)
Fino a qua tutto ricalca precisamente quanto potevamo fare nel primo titolo, però sono state fatte alcune aggiunte nel gameplay per mettere ancor più alla prova la nostra destrezza. La prima è la possibilità di entrare in modalità Manual, ovvero, spostandoci a destra o a sinistra al momento dellatterraggio, potremo mettere solo due ruote dello skate sul terreno, in modo da poter aumentare il punteggio e continuare a guadagnare punti. Nel primo titolo infatti, una volta atterrati, la concatenazione di tricks si chiudeva, mentre adesso possiamo continuare a inanellare combo. Ma non pensate che questo sia un gioco da ragazzi. Infatti, se alla fine della fase Manual non sarete precisi, potreste vedervi azzerare tutto quello che avete accumulato. Utilizzando i tasti R1 e L1 (L e R su Vita) si può cambiare la posizione dello skater, per avere un controllo diverso proprio durante la modalità Manual. Tutto questo, rispetto alloriginale, aggiunge sicuramente un livello di sfida maggiore, ma anche il rischio che il pad o la PSVITA vengano scagliati violentemente a terra per lesasperazione del momento. Se riuscirete a mantenere integri i vostri strumenti di controllo e non perderete, per lappunto, il controllo, vi accorgerete che sarà solo dopo alcune partite che riuscirete a gestire con precisione il vostro skater, grazie anche alla precisione dei comandi stessi. Da quel momento vi potrete effettivamente sbizzarrire e divertire nel cercare di portare a termine ogni livello provando a battere sia voi stessi sia gli altri giocatori a livello mondiale.

I livelli possono essere sbloccati tutti abbastanza velocemente, ma sicuramente sarete spronati a riprovarli più volte per potere battere coloro che nel frattempo vi hanno eventualmente scavalcato in classifica.Ed è questa la seconda aggiunta che Roll7 ha fatto, ovvero permettervi di verificare la vostra posizione nel tabellone mondiale per ogni livello, così da capire quali siano i metri di paragone e stimolarvi a giocare ancora e ancora. I livelli possono essere sbloccati tutti abbastanza velocemente, ma sicuramente sarete spronati a riprovarli più volte per potere battere coloro che nel frattempo vi hanno eventualmente scavalcato in classifica. La campagna rimane fedele al primo OlliOlli: cinque ambientazioni diverse con cinque livelli ciascuna. Il livello di difficoltà crescente permette di aumentare la propria destrezza gradatamente. Ma una volta terminati i 25 livelli potrete andare a sbloccare la temibile modalità Pro, solo a condizione che abbiate portato a termine ogni obiettivo allinterno di ogni livello. Per i primi quadri questo è relativamente semplice, perchè gli obiettivi non sono molto ostici, ma il quarto e il quinto quadro, ovvero gli ultimi dieci livelli, sicuramente vi daranno del filo da torcere. Ci sono degli obiettivi che metteranno veramente alla prova i vostri riflessi e la vostra manualità. Se poi sarete così bravi e capaci da completare anche tutti i livelli in modalità Pro, allora il vostro premio sarà quello di sbloccare la modalità RAD, ovvero linferno in terra. Questa modalità metterà alla prova la connessione neurale tra occhi e mani, la vostra coordinazione psico-motoria e, ancor di più, il vostro controllo della rabbia.

OlliOlli 2 Welcome to Olliwood (2)

Al contempo, al completamento di un livello, possiamo subito sbloccare la modalità Posti, ovvero la possibilità di rigiocare ogni singolo livello appena sbloccato, con lobiettivo di non toccare mai terra, se non allarrivo. Dovrete dimostrare tutta la vostra abilità nel fare grind perfetti, ovvero atterrare con la tavola su ringhiere, panchine, tetti di camion, bracci di gru e unaltra miriade di sporgenze senza perdere velocità. Anche in questo caso tutto dipende dal tempismo con il quale tirerete verso il basso la levetta analogica di sinistra prima di atterrare su una delle suddette sporgenze. Se non sarete abbastanza bravi nel farlo, perderete progressivamente velocità e con essa anche la possibilità di finire il livello con un punteggio dignitoso. Se non siete soddisfatti della vostra performance di gioco, il tasto triangolo vi permette di tornare al punto di partenza in uno Zzap!!, e in alcuni casi rimangono comunque validi alcuni degli obiettivi che magari, nel frattempo, avrete sbloccato.

Rimane sempre presente la modalità Daily Grind, ovvero la possibilità di mettersi alla prova su un singolo tracciato, che ogni Rispetto al primo OlliOlli, la grafica risulta più pulita, sempre rispettando lo spirito minimalista, che non è per forza sinonimo di semplice.giorno cambia, per segnare il punteggio più alto. Per entrare in classifica avrete però una e una sola chance, anche se vi potrete esercitare sul tracciato quante volte vorrete. Ma quando entrerete ufficialmente nella competizione, non sprecate lunico colpo che avete in canna, perché non cè la possibilità di tornare indietro. Era stata prevista inizialmente una modalità cooperativa locale, ma gli sviluppatori hanno dichiarato che al momento del lancio non la ritenevano ancora perfezionata e che probabilmente verrà implementata successivamente con una patch di aggiornamento. Rispetto al primo OlliOlli, la grafica risulta più pulita, sempre rispettando lo spirito minimalista, che non è per forza sinonimo di semplice. Infatti ci sono un sacco di animazioni, sia del personaggio principale sia degli sfondi, così come il senso di velocità è palpabile, proprio grazie alla pulizia della grafica. Gli sfondi sono tutti a ispirazione (h)olliwoodiana, per cui si passa da degli studios a un simil set alla Indiana Jones, al set western, scivolando attraverso un parco di divertimenti a tema horror per saltare in unambientazione sci-fi.

OlliOlli 2 Welcome to Olliwood (3)

A differenza di quello che succedeva nel primo OlliOlli, qua i colori dei vari livelli non creano confusione, con il rischio di non vedere ostacoli o sporgenze per i grind. Anzi, i vari punti dove è possibile grindare sono lampeggianti, ma sinceramente non sempre potrete avere il colpo docchio per vederli, vista la velocità di scorrimento. Oltre a essere ben disegnati graficamente, la progettazione è impeccabile anche dal punto della struttura di ogni livello. Il comparto audio, pur essendo di buona fattura, con musiche originali molto adeguate allo stile di gioco, non si discosta molto da quello del primo OlliOlli, ma questo è sicuramente un pregio. Le due versioni che abbiamo provato, quella PS4 e quella PSVITA, si discostano ben poco come realizzazione. Lunica cosa che possiamo far rilevare è la maggior risposta dei controlli sulla versione Vita rispetto a quella PS4: ci è sembrato molto più semplice (relativamente) fare maggiori combo perfette con la piccola console di casa Sony che non con la sua sorellona next-gen.

Nel mese di marzo 2015 il titolo è gratuito per i sottoscrittori di PlayStation Plus.


Iscriviti al canale di G969:

FacebookRedditPocketPrint


Commento finale
 

Con giochi del genere a disposizione, perché ancora non abbiamo capito quanto valgono gli sviluppatori indie? Certo, Roll7 ha dietro di sé la grande Sony, ma lo spirito produttivo è legato a titoli che non cercano di attrarre le masse con grafica mostruosa, ma con contenuti che portano il giocatore a realizzare quello che è il suo principale desiderio,ovvero divertirsi. E OlliOlli2 fa proprio questo: diverte. Poco è cambiato rispetto al primo titolo, ma quel poco basta a renderlo un titolo divertente e giocabile, pieno di sfida e in grado di regalarci ore di divertimento. OlliOlli2 è la logica evoluzione del primo successo di Roll7 ed è un titolo aperto a tutti i giocatori che vogliono e che sanno divertirsi.

Tra le due versioni, nel complesso, quella per PS Vita ci sembra la meglio riuscita. Nel caso della versione PS4, quindi, il voto scende di mezzo punto, per i problemi legati al controllo, per cui le assegniamo un 8.

Il Gioco
 
Piattaforma
Sviluppatore

Roll7

Publisher

Sony

Data di uscita

04/03/2015

Pro

- Divertente
- Impegnativo
- Longevo

Contro

- Mancanza di una modalità co-op locale.

Redazione
Il voto di G969
8.5


Per maggiori informazioni su questo voto leggi la nostra policy sulle recensioni