4 visite 0 commenti

Game of Thrones Episode 3: The Sword in the Darkness Recensione

Draghi in vista

il 26 marzo 2015 (10:37) di
 

Con questo terzo episodio la trasposizione videoludica della serie Game of Thrones realizzata da Telltale si accinge a raggiungere la boa di mezzo percorso. Essendo il terzo di sei episodi totali, a questo capitolo spetta un arduo compito, quello di mettere in moto o consolidare gli eventi che dovranno obbligatoriamente vedere una conclusione soddisfacente nella parte finale della serie, un compito molto complesso dal punto di vista narrativo.
Data la natura episodica della saga, per avere delucidazioni sul comparto tecnico o sulla casa di sviluppo vi invitiamo a iniziare a leggere dalla recensione del primo capitolo della saga, mentre quelli di voi che già hanno familiarità con il mondo di Telltales Game of Thrones possono proseguire tranquillamente nella lettura di questa recensione.
Come sempre vi ricordiamo che gli eventi del gioco si svolgono in parallelo con alcuni degli avvenimenti chiave dei libri e della serie televisiva, pertanto, per poter godere appieno dei riferimenti e per evitare sgraditi spoiler, è consigliabile aver terminato la visione della quarta stagione della serie televisiva o la lettura del libro “Danza dei Draghi”.

Episode 3 The Sword in the Darkness (6)
Già dallapertura di The Sword in the Darkness sarà possibile notare una sostanziale differenza stilistica rispetto ai precedenti capitoli, spariscono infatti lintroduzione di nuovi personaggi giocabili e lesposizione forse a volte eccessiva degli elementi culturali del mondo in cui la serie è ambientata; le carte ormai sono tutte sul tavolo, e tanto ai sapienti narratori di Telltale quanto al giocatore non resta altro che sfruttarle ed entrare realmente nel pieno della partita.
La sequenza dapertura, come nel predente episodio, è riservata al punto di vista di Asher Forrester e alla sua avventura nel continente di Essos in compagnia di suo zio Malcolm e della splendidamente caratterizzata Beshka, personaggio originale della serie videoludica in grado di rubare la scena al legittimo protagonista dellepisodio grazie al suo grande carisma.
Nonostante The Sword in the Darkness sia uno degli episodi più bilanciati dal punto di vista del gameplay, con una sapiente miscela di sequenze narrative e quick time event che scandiranno i momenti dazione, lavventura di Asher aprirà il capitolo in grande stile anche grazie allapparizione di una guest star deccezione, uno dei draghi di Daenerys.

Episode 3 The Sword in the Darkness (3)

È proprio grazie a questapparizione che il gioco di Telltale riesce a dimostrare tutti i suoi vantaggi rispetto alla serie televisiva, mostrandoci un drago molto più presente sul piano fisico rispetto alle sue controparti televisive, relegate a fugaci apparizioni in computer grafica.
Continuando il parallelo strutturale con il precedente episodio della saga, sarà il freddo mondo della Barriera a farci dimenticare i colori caldi del continente di Essos.
Il punto di vista si sposterà infatti al Guardiano della Notte, Gared, protagonista nello scorso episodio di uno spezzone “addestrativo” purtroppo poco convincente e questa volta impegnato nella recitazione del giuramento e nel conseguente ingresso a tutti gli effetti nella confraternita.
Proprio le parole del giuramento, uno spezzone delle quali è stato utilizzato per creare il sottotitolo di questo episodio, danno unidea di quanto la storia di Gared stia raggiungendo unimportanza primaria nel mondo di gioco e, per rispecchiare questa rinata importanza e dare un nuovo peso alle scelte compiute da Gared, ci ritroveremo a fare i conti con le decisioni del capitolo precedente che troveranno in questo capitolo una conclusione definitiva.

Episode 3 The Sword in the Darkness (5)

Purtroppo, seppure le nostre decisioni passate comportino un effettivo cambiamento nel metodo desposizione e nella strada scelta per arrivare allesito, leffettivo risultato finale non cambia rispetto a chi ha effettuato scelte differenti nei capitoli precedenti, rivelando così ancora una volta il fondamentale problema dellimpianto narrativo di Telltale, che ci dona una libertà solo apparente, riportando tutti i possibili punti divergenti a un unico percorso prestabilito e indipendente dalle nostre scelte.
Prima di abbandonare nuovamente lavventura di Gared, però, avremo tempo per meditare una vendetta personale, che si preannuncia essere una decisione realmente importante nel grande schema delle cose, e per scoprire qualcosa di più riguardo al misterioso North Grove, elemento mistico e centralissimo dellavventura, oltre la barriera che pare promettere grandi avventure purtroppo riservate ai prossimi capitoli della saga.

Episode 3 The Sword in the Darkness (4)
Come prevedibile, lazione si sposterà poco più a sud, tra le mura boschive di Ironrath, dove riprenderemo il controllo di Rodrik Forrester, figlio primogenito di Lord Gregor e protagonista del colpo di scena del capitolo precedente.
Le vicissitudini a Ironrath continuano a focalizzarsi intorno alla rivalità tra la casata dei Forrester e quella dei Withehill in una linea narrativa che richiama da vicino i rapporti tra Montecchi e Capuleti, lintroduzione del giovane Griff Withehill svolge il ruolo di inserire un rivale anagraficamente più vicino a Rodrik, ma fallisce nel tentativo di variegare la situazione di Ironrath, che anche in questo episodio sembra essere arenata in una sovraesposizione volutamente grottesca dellabuso di potere dei Withehill e della cattiva posizione occupata dalla casata Forrester.
Il dialogo e la capacità diplomatica svolgeranno ancora una volta un ruolo fondamentale nel complesso gioco di potere svolto tra le mura di Ironrath, e solo avvicinandoci al termine del capitolo avremo accesso a delle informazioni in grado di far uscire finalmente dallo stallo le negoziazioni. Purtroppo però, per poter vedere gli effetti di questa nuova rivelazione, dovremo attendere luscita del quarto episodio della saga.

Episode 3 The Sword in the Darkness (2)

Come nei precedenti capitoli, il gran finale dellavventura è riservato al punto di vista di Mira che ci porterà nuovamente nellintricato mondo di cospirazioni e sotterfugi di Approdo del Re, dove la presenza dei protagonisti originali del libro aiuta a rafforzare la sensazione di far davvero parte del mondo della serie originale.
Sono proprio i delicati rapporti tra due colonne portanti della serie, come Margaery Tyrell e Tyrion Lannister, a rappresentare ancora una volta il fulcro delle avventure di Mira, soprattutto durante la chiusura dei vari rami decisionali lasciati aperti nello scorso capitolo e che troveranno una naturale conclusione sin dai primi momenti di questo episodio.
Sarà la partecipazione, seppur collaterale e minima, a uno degli avvenimenti principali della serie principale a farci capire ancora una volta come la storia della giovane figlia di Gregor Forrester sia la tranche narrativa più coerentemente inserita negli eventi della serie originale, e la possibilità di osservare le nozze di Joffrey da un inedito punto di vista non mancherà di ricordare ai fan la loro posizione temporale negli avvenimenti.


Iscriviti al canale di G969:

FacebookRedditPocketPrint


Commento finale
 

È naturale che nel suo difficile compito di traghettarci verso la prima metà del gioco questo terzo capitolo perda ulteriore vento dalle sue vele. Nonostante un'apertura decisamente esplosiva, infatti, ci troveremo presto ad affrontare schemi narrativi già noti e avventure che sembrano non condurre da nessuna parte, salvo poi rivelare elementi chiave all'ultimo momento, destinati a essere utilizzati per ravvivare la fiamma dei prossimi capitolo, cui spetterà il compito di indirizzarci verso il gran finale.
Sebbene non sia eccellente, questo capitolo riesce a farsi perdonare molte delle lungaggini e della poca incisività del secondo capitolo, anche solo in virtù della promessa di dare nuovo materiale per rendere avvincenti i prossimi capitoli.

Il Gioco
 
Sviluppatore

Telltale

Publisher

Telltale

Data di uscita

24 Marzo 2015

Pro

- La parte introduttiva lascia finalmente spazio all'esposizione dei fatti
- Le sequenze d'azione sono finalmente convincenti e concitate
- I nuovi elementi introdotti fanno presagire futuri sviluppi interessanti

Contro

- Le decisioni sembrano essere sempre meno importanti
- Il punto focale di ogni punto di vista è limitato agli ultimi minuti di ogni spezzone

Redazione
Il voto di G969
7.5


Per maggiori informazioni su questo voto leggi la nostra policy sulle recensioni