8 visite 0 commenti

Dark Souls 2: Scholar of the First Sin Recensione

La morte ci fa belli. E in HD?

il 13 aprile 2015 (14:39) di @zart
 

Il matrimonio fra Bandai Namco e From Software continua nonostante la recente pubblicazione di Bloodborne sotto etichetta Sony Entertainment, tantè che il precedente episodio della serie Souls di Hidetaka Miyazaki, Dark Souls 2, è arrivato anche su PlayStation 4 e Xbox One. Questa versione del titolo, comparabile ad una Game of the Year edition porta con sé tutti i contenuti addizionali a pagamento fino ad ora pubblicati e tante novità che le edizioni PS3 e Xbox 360 non implementeranno a causa di dichiarate impossibilità tecniche.

Lasciandovi alle parole della nostra Claudia Gonzales per quanto riguarda la descrizione del titolo, che in fondo rimane lo stesso conosciuto su PlayStation 3, non possiamo che limitarci a commentare loperazione di svecchiamento portata avanti dalla software giapponese e dalla sua equipe di tecnici e grafici pronti a tutto pur di donare al regno di Drangleic una nuova vita tutta in alta definizione!

Cosa ci fa un drago in questo punto del gioco? Ecco, questa è un'ottima domanda...

Cosa ci fa un drago in questo punto del gioco? Ecco, questa è unottima domanda

Preparatevi a morire. Ancora.

Aldia, il boss opzionale che dà il nome a questa edizione del titolo, è stato aggiunto anche alle edizioni last gen tramite una patch gratuita.

Aldia, il boss opzionale che dà il nome a questa edizione del titolo, è stato aggiunto anche alle edizioni last gen tramite una patch gratuita.

Dark Souls 2: Scholar of the First Sin include tutti i contenuti di Dark Souls 2, i DLC pubblicati successivamente al lancio (Qui trovate la nostra recensione firmata da Stefano Bruzzone) e una serie di graditi extra, come nuovi personaggi non giocanti, oggetti, un ribilanciamento delle statistiche degli avversari e un level design completamente rivisto che accoglie un numero terrificante di nemici aggiuntivi. La decisione di riposizionare avversari e oggetti crea uninteressante situazione capace di intrigare anche chi ha già potuto godere delleffervescente gameplay ideato dai ragazzi di From Software, di fatto andando a creare situazioni più difficili da superare per via del maggior numero di pericoli in agguato, ma daltra parte è anche vero che la coerenza stilistica con cui era stato confezionata la versione liscia del titolo è sacrificata sullaltare di un maggiore godimento ludico. Draghi, giganti e mostri coriacei fanno la loro comparsa ben prima di quanto ci si possa aspettare e malgrado questo infonda al prodotto una marcia in più, è anche vero che si deve imparare a convivere con una sensazione di discontinuità tematica non indifferente. Daltronde, se avessero voluto infilare dei draghi o dei ciclopi fin dallinizio dellavventura, è chiaro che i designer avrebbero optato per questa soluzione fin dallinizio. E nel caso ve lo steste chiedendo, no, purtroppo Dark Souls 2: Scholar of the First Sin non permette di poter scegliere se giocare a questa edizione remixata o a quella originale. Prendere o lasciare.

I giocatori amanti della co-op saranno lieti di sapere che ora il gioco in rete può accogliere fino ad un massimo di sei avventurieri in contemporanea mentre i patiti del lore delluniverso fantasy firmato da From Software possono già da ora strofinarsi le manine e prepararsi a leggere un numero infinito di descrizioni degli oggetti riscritte e ampliate per permettere a chi gioca di cogliere più sfumature del silente regno fantasy che fa da sfondo allintera durata dellavventura.

Dark-Souls-2-Scholar-of-the-First-Sin-01

This is Dark Souls

Tipica giornata di lavoro in quel di Dark Souls

Tecnicamente la produzione porta su Xbox One e PlayStation 4 un prodotto praticamente indistinguibile dalledizione PC già conosciuta quasi un anno fa, pur potendo vantare una serie di nuove effettistiche grafiche, come ad esempio un sistema di illuminazione riscritto. Chiaramente chi pensa di poter approcciare questa edizione del titolo come un vero e proprio REMASTER HD del videogioco conosciuto su PlayStation 3 e Xbox 360 trarrà la maggiore soddisfazione, mentre chi ha già avuto il piacere di saggiarne la qualità artistica su Steam o affini potrebbe rimanere deluso dalle mancanze di novità dal punto di vista prettamente cosmetico. Inspiegabilmente né la versione Xbox One, né quella PlayStation 4 riescono a reggere con la sicurezza che ci si aspetterebbe un counter FPS ancorato alla fatidica cifra di 60, anche se la macchina Sony gioca ancora una volta in vantaggio rispetto alla competitor americana.

I 1080p e i 60fps non sono una novità per la famosa PC master race, ma è chiara lintenzione da parte di From Software di rivolgersi prevalentemente al proprio pubblico consolaro. In questottica le migliorie tecniche sono palesi e il prezzo pieno potrebbe essere altrettanto sostenibile dai fan della serie in cerca di un tuffo nel passato fra una morte a Bloodborne e laltra. Rimaniamo comunque abbastanza dubbiosi riguardo leffettiva necessità di questo porting nemmeno particolarmente rivoluzionario dal punto di vista tecnico, specie quando Demons Souls o anche il primo episodio della serie, Dark Souls, sarebbero decisamente meglio accolti dai fan più accaniti della serie.

Dark-Souls-II-Scholar-of-the-First-Sin_2015_01-15-15_012Dark Souls 2 è stato la prima iterazione del franchise a non godere della direzione del suo creatore, Hidetaka Miyazaki, allepoca della creazione dellAction RPG impegnato nello sviluppo dellesclusiva PlayStation 4 del momento, e se la volontà di Bandai Namco era quella di seguire il filone dei Souls sfruttando proprio la popolarità del celebratissimo director, sarebbe stato decisamente più indovinato rispolverare uno dei precedenti capitoli della serie. È anche doveroso segnalare come questa edizione PlayStation 4 porti con sé un fastidiosissimo bug già rintracciato nelledizione PC che finisce per rendere fragilissime le armi utilizzate dal silente protagonista, obbligando il giocatore ad una gestione dellinventario e del proprio equipaggiamento lontana da quella che era stata intesa originariamente per il gioco. Mentre scriviamo questo annoso problema non è stato ancora risolto e ci chiediamo se alla luce dei numerosi mesi di maturati dallannuncio di questa riedizione per console current gen sia giusto consegnare nelle mani dei giocatori per lo più appassionati un prodotto evidentemente non rifinito e per di più bacato. Lasciamo a voi trarre le giuste conclusioni.


Iscriviti al canale di G969:

FacebookRedditPocketPrint


Commento finale
 

Dark Souls 2: Scholar of the First Sin è una riedizione che potrebbe scontentare chi si aspettava un restyle grafico fatto come si deve, ma che rappresenta al tempo stesso un'ottima occasione per avvicinarsi al secondo episodio della serie nel caso lo si fosse ingenuamente ignorato in passato. Certo, è un produzione che deve convivere con dei compromessi e delle scelte infelici di fondo, ma rimane comunque un titolo meritevole di interesse, specie se si ha letteralmente divorato Bloodborne, altro titolo From Software recentemente pubblicato su PlayStation 4.

Chi non ha potuto giocare all'edizione PC di Dark Souls 2 può tranquillamente aggiungere un punto al voto finale e avvicinarsi a questa riedizione potendo godere appieno del suo potenziale.

Il Gioco
 
Piattaforma
Sviluppatore

From Software

Publisher

Bandai Namco

Data di uscita

02/04/2015

Pro

- Per i giocatori provenienti da Xbox 360 e PS3, un deciso restyle grafico che migliora e non di poco la resa cosmetica del titolo
- I 60fps (quando reggono) rendono le battaglie ancora più adrenaliniche
- Tutti i DLC usciti in precedenza in unico pacchetto

Contro

- Il riposizionamento di alcuni nemici è poco coerente e forzato
- Il bug che affligge la durata delle armi è ancora presente nonostante fosse già stato riscontrato nell'edizione PC pubblicata l'anno scorso
- Chi proviene da PC e ha già potuto saggiare dei 1080p x 60 FPS potrebbe trovare questa riedizione del tutto superflua
- Sarebbe stato lecito aspettarsi un prezzo rivisto al ribasso.

Redazione
Il voto di G969
7.5


Per maggiori informazioni su questo voto leggi la nostra policy sulle recensioni