1 visite 0 commenti

Counterspy Recensione

Lo spionaggio non muore mai

il 13 marzo 2015 (17:02) di
 

Il fascino dellera della Guerra Fredda è innegabile, e ne sono prova le innumerevoli opere ispirate a quello che è stato uno dei più tesi e difficili momenti della storia recente e il fatto che continui a ispirare scrittori e registi di tutto il mondo con la sua attrattiva militaresca e scientifica.
Nonostante la rivalità tra Oriente e Occidente del mondo continui a ripresentarsi ciclicamente su svariati argomenti, il terrore di una guerra nucleare è ormai quasi definitivamente sventato, e quello che una volta era motivo di paura e preoccupazione è diventato un iconico stile artistico e narrativo che permette sia a quelli che lhanno vissuto sia a coloro che ne hanno letto nei libri di storia di osservare il “mostro spaventoso” sotto una luce molto più leggera e inoffensiva.

Counterspy (6)

Su questo spirito in bilico tra il serio e il comico, tra la ricostruzione e la pantomima dai tratti esagerati, si collocano alcuni successi degli ultimi anni, quali lapprezzato Team Fortress 2 e la saga gestionale di Tropico.
È proprio in questo filone così particolare che Counterspy trova una sua collocazione ideale, proponendo il conflitto tra Occidente e Oriente e mettendo il giocatore al di sopra delle parti, in una terza agenzia segreta che gli permetterà di osservare entrambi i mondi e la rappresentazione esagerata e leggera dei loro eccessi e delle loro particolarità.

Opera di debutto della piccola software house di San Francisco Dynamighty, Counterspy è riuscito ad attirare lattenzione di un colosso del settore come Sony, che ha deciso di supportare i developer pubblicando il gioco.
Dato linteressamento di un publisher deccezione come Sony, il gioco è disponibile principalmente proprio sulle console della famiglia PlayStation e va ad arricchire la line-up di titoli sia di PS3 sia di PSVita; Counterspy, inoltre, è stato rilasciato anche in forma mobile sia per Android sia per iOS.

Counterspy (4)

La trama di Counterspy, pur non rivelandosi mai eccessivamente articolata o profonda, fornisce un ottimo pretesto narrativo per il gioco, illustrando perfettamente i ruoli delle tre potenze in ballo.
Stati Capitalisti e Repubblica Socialista sono potenze divise ma simili, impegnate nella loro folle corsa agli armamenti ormai sfuggita di mano al punto di rappresentare un rischio per lumanità intera. La C.O.U.N.T.E.R. invece, in quanto agenzia esterna e base operativa della non meglio identificata spia protagonista del gioco, sfrutta la sua posizione di contendente ombra per fare man bassa dei segreti militari delle due fazioni.
La vera minaccia alla sopravvivenza dellumanità sarà rappresentata dal folle piano perseguito da entrambe le fazioni di dimostrare la loro superiorità tecnologica e militare lanciando un attacco atomico sulla Luna, azione che, nel mondo alternativo di Counterspy, spingerebbe la Luna contro la Terra con le ovvie conseguenze catastrofiche del caso.
Sarà compito della nostra spia infiltrarsi di volta in volta nelle basi delluna o dellaltra potenza e rubare i piani segreti per il lancio, approfittandone per fare incetta di documenti segreti, schemi di armi e dellutile denaro.

CounterSpy™_20140818212849

Nella sua forma giocabile, tutto questo si tradurrà in un particolarissimo gioco a scorrimento laterale dalle meccaniche 2.5D, con uninquadratura laterale del protagonista e dei nemici che ci permetterà in determinate occasioni di osservare gli scenari da sopra la spalla del protagonista, rivelando così la profondità degli stage.
A questo mix di vecchio e nuovo, tra lo scorrimento laterale dei videogiochi dellera precedente ai 32 bit e le visuali isometriche più moderne, si aggiungono delle meccaniche stealth fortemente ispirate a Metal Gear Solid, da cui Counterspy non fa certo mistero di aver tratto a piene mani.
Ci saranno sempre due modi per affrontare i livelli di Counterspy e, seppure sia fattibile aprirsi la strada a suon di armi da fuoco, lapproccio silenzioso sarà sempre quello più remunerativo, sia in termini di punteggio sia di sopravvivenza del protagonista.
In caso decidessimo di scegliere lapproccio silenzioso, il gioco farà sfoggio di tutte le sue meccaniche più importanti, come la reazione delle guardie circostanti agli effetti sonori, lo sfruttamento dei pattern comportamentali dei nemici e la possibilità di sfruttare gli elementi dellambiente per massimizzare il danno inflitto.

Counterspy (5)

Completare i livelli richiederà di trovare i terminali nascosti nei mai troppo estesi ambienti che compongono le basi nemiche, facilmente navigabili grazie alla comoda mappa in stile metroid sovraimpressa sullo schermo, e di guadagnare laccesso al terminale principale, solitamente posto nella schermata più interna al cuore della base nemica.
Oltre alla risposta armata da parte dei nemici, nel caso il nostro protagonista venga individuato dovremo tenere docchio anche il contatore Defcon, un livello dallarme generale che va da un minimo di 5 al pericolosissimo livello 0 che causerà limmediato countdown di lancio missilistico e ci costringerà a cercare di terminare il livello entro un tempo limite decisamente riduttivo.
Purtroppo queste soluzioni di gameplay, pur raffinate, soffrono di alcune pecche che ledono pesantemente la godibilità del titolo, prima fra tutte la scarsissima intelligenza artificiale dei nemici che ci troveremo ad affrontare.
Capiterà spesso di vedere nemici puntare i fucili verso le pareti o il pavimento e fare fuoco verso postazioni che teoricamente non dovrebbero vedere o raggiungere, mentre la pianificazione dei loro parametri dallarme si dimostra carente persino in confronto a titoli ormai arretrati come gli originali Metal Gear, proponendo nemici che non abbandonano mai la posizione di pre-allarme così da costringerci più volte a buttarci in degli scontri a fuoco che sarebbero stati evitabili se fossero tornati ai loro percorsi originali dopo qualche istante di ricerca.

Counterspy (3)

I livelli generati casualmente a ogni partita, inoltre, genereranno situazioni decisamente difficoltose da sbrogliare, come nemici troppo vicini alle porte dingresso che faranno scattare gli allarmi in modo quasi automatico o disposizioni dei soldati avversari impossibili da affrontare in modalità stealth, entrambe evenienze che non mancheranno di frustrare i giocatori a lungo andare.
La longevità della trama è molto limitata e il gioco può essere completato in una singola seduta, la longevità generale del gioco, però, trae un grosso vantaggio dalla generazione casuale dei livelli che regaleranno infinite variabili e missioni mai uguali, ma che purtroppo, a lungo andare, non mancheranno di tediare i giocatori più accaniti.

Sicuramente il fiore allocchiello di Counterspy è lo stile artistico fortemente influenzato da quello propagandistico di J.C. Leyendecker e dei volantini di propaganda sovietica, entrambi fonti dispirazione anche del visivamente molto simile Team Fortress 2.
Questo stile dai colori vibranti e dalle linee squadrate, unito alla grafica in cel shading quasi da cartone animato e alle musiche di forte stampo spy-movie, con particolare strizzata docchio alle colonne sonore dei film di James Bond, funziona benissimo nel regalare a Counterspy unidentità chiara e dimpatto che lascerà il segno nella memoria del giocatore.
Buona anche la traduzione in italiano della parte testuale del gioco, così come la scelta di lasciare in lingua originale gli elementi dello sfondo delle basi che fanno da scenario, rendendo così chiaramente distinguibili gli scenari sovietici da quelli americani.


Iscriviti al canale di G969:

FacebookRedditPocketPrint


Commento finale
 

Counterspy è un buon titolo di debutto e un grande esperimento stilistico piagato da alcune leggerezze in fase di sviluppo e da alcune scelte di gameplay purtroppo discutibili.
Seppure si tratti di un titolo godibile e divertente, soprattutto grazie alla proposizione di uno scenario narrativo così particolare, stenta a trovare una sua vera identità in bilico tra il platform bidimensionale più tipico e le sue eccessive sezioni di fuoco libero dove l'utilizzo delle armi da fuoco è inevitabile.
Con un tocco di coraggio in più e una maggiore esperienza da parte del team di sviluppo sarebbe potuto essere un titolo veramente imperdibile invece di doversi accontentare di essere un piccolo passatempo piacevole.

Il Gioco
 
Sviluppatore

Dynamighty

Publisher

Sony Computer Entertainment

Data di uscita

19 Agosto 2014

Pro

- Stile artistico ispirato
- Una giusta dose di ironia
- Divertente in piccole dosi

Contro

- Soluzioni di gameplay discutibili
- Stupidità Artificiale
- Alla lunga troppo ripetitivo

Redazione
Il voto di G969
7.0


Per maggiori informazioni su questo voto leggi la nostra policy sulle recensioni