Anteprime
0 commenti

Watch Dogs Bad Blood Hands on

il 16 settembre 2014 (16:02) di @Demonico7
Redazione
Aspettativa


 
FacebookTwitterGoogle+RedditLinkedInPocket


A sei mesi di distanza dallarrivo di Watch Dogs nei negozi, titolo che ha destato non poco clamore, in virtù di tutta una serie di problemi, downgrade grafici e promesse non mantenute, rivelandosi comunque un ottimo campione di incassi, con il nuovo DLC Bad Blood Ubisoft ha intenzione di fornire agli appassionati del titolo un ulteriore motivo per tornare nella Chicago corrotta e perennemente connessa che ha fatto da sfondo alle vicende di Aiden Pearce. A sostituire il taciturno giustiziere cè stavolta una vecchia conoscenza, Raymond T-Bone Kenney, simpatico quanto sboccato e capace hacker incontrato in precedenza, che deve cercare di scappare dalla città. Passato il testimone, che nella circostanza non può che essere lo smartphone di fiducia, è quindi ora di cimentarsi in una nuova campagna aggiuntiva ambientata dopo gli eventi narrati nel gioco originale, e saggiare con mano se al nuovo protagonista si sono aggregate anche nuove variazioni sul tema stealth e hacking proposto da Watch Dogs.

Ritorno a Chicago

Il primo elemento che risalta immediatamente è senza dubbio la caratura del nuovo protagonista. T-Bone è infatti, al contrario di Aiden, un personaggio decisamente meglio caratterizzato rispetto al primo attore di Watch Dogs, per cui provare una qualsiasi sorta di empatia era a dir poco impossibile. Raymond Kennedy si rivela invece essere un vero e proprio catalizzatore di simpatia, con le sue battute sempre al momento giusto e il suo essere meravigliosamente sboccato. Nei suoi panni, il giocatore deve fare tutto il possibile per levare le tende da una Chicago ancora ben stretta nella morsa della Blume e del ctOS. Inutile dire che, visto lo stretto collegamento con il titolo originale, Bad Blood è indicato solamente ai giocatori che hanno già portato a termine lavventura di Aiden. Ubisoft non ha infatti inserito nessuna forma di tutorial per quanto riguarda lutilizzo delle funzionalità hacking e i movimenti, chiaro segno di come la società francese abbia pensato esclusivamente ai giocatori già fidelizzati.

La narrazione in Bad Blood è fin dallinizio relegata in secondo piano, con il contenuto aggiuntivo che inizia subito con una fuga da un edificio ctOS ben sorvegliato, entrando in scena solamente in una fase decisamente più tranquilla, che ci permette di fare la conoscenza di uno dei comprimari e familiarizzare con il nuovo rifugio di T-Bone.

Preparando la fuga

Le novità di Bad Blood rispetto a Watch Dogs

Nonostante il gameplay sia praticamente identico a quanto visto nelloriginale Watch Dogs, gli sviluppatori hanno approfittato di questo Bad Blood per aggiungere diverse novità che differenziano in maniera tutto sommato piacevole il free roaming targato Ubisoft. La prima e più importante implementazione in questo senso è rappresentata da Eugene, una macchinina radiocomandata modificata e arricchita di tante e utili funzioni da utilizzare per raggiungere determinati punti altrimenti inaccessibili e hackerare dispositivi mantenendo immutata la natura stealth di alcune fase di gioco. Definibile come una vera e propria estensione del ben rodato smartphone, il veicolo si arricchirà man mano di interessanti aggiunte, come la possibilità di sparare un dardo stordente, particolarmente utile nelle circostanze in cui occorre liberarsi di qualche guardia isolata, anche se la macchina non passerà comunque inosservata agli occhi nemici, necessitando quindi di un saggio quanto attento utilizzo. In alcuni punti sarà obbligatorio utilizzare Eugene per procedere, mentre nella maggior parte dei casi tocca al giocatore decidere se impiegarla o meno.

Nonostante il gameplay sia praticamente identico a quanto visto nell'originale Watch Dogs, gli sviluppatori hanno approfittato di questo Bad Blood per aggiungere diverse novità che differenziano in maniera tutto sommato piacevole il free roaming targato Ubisoft.

Ad ogni modo, Bad Blood cerca di variare la formula originale anche per quanto riguarda gli scontri a fuoco, presenti ora in un numero decisamente maggiore, e in un approccio action che in molti casi sostituisce quello stealth consigliato da Watch Dogs. Oltre alla campagna aggiuntiva, che apporta circa 6 ore di gioco, il DLC propone anche una nuova modalità cooperativa per due giocatori, chiamata Pulizia delle Strade, che consente a due hacker in vena di sfide di cimentarsi in una serie di incarichi secondari che non esulano dalla tradizione del free roaming di casa Ubisoft. Tali richieste variano infatti dallhackerare alcuni computer posti in zone off-limits particolarmente sorvegliate a far saltare in aria determinate casse in unarea densamente popolata di nemici. Niente di originale sotto il sole, dunque, anche se la possibilità di portare a termine queste sottomissioni in compagnia di un amico non mancherà di divertire i completisti e gli amanti delle azioni ben coordinate.


Iscriviti al canale di G969:

Primo impatto
 

Bad Blood di certo non riuscirà a far cambiare idea ai detrattori del free roaming firmato Ubisoft, ma di sicuro incontrerà il gusto di chi ha invece amato Watch Dogs. Un protagonista del tutto diverso e imprevedibile rispetto ad Aiden Pearce, 6 ore di campagna aggiuntiva collegata alla vicenda originale e una nuova modalità co-op sono infatti gli ingredienti di un DLC destinato prevalentemente a chi non vedeva l'ora di avere una buona occasione per tornare nuovamente in quel di Chicago. Ricordiamo che Bad Blood si renderà disponibile a partire dal prossimo 23 settembre per i possessori del Season Pass, mentre tutti gli altri giocatori dovranno aspettare il giorno 30 dello stesso mese.

Aspetti positivi

Una nuova campagna da 6 ore di gioco garantite;
T-Bone è un protagonista ben più caratterizzato di Aiden Pearce;
Interessante modalità co-op;

Dubbi e perplessità

Prezzo non ancora annunciato;
Poche implementazioni alla formula originale;