Anteprime
0 commenti

La Terra di Mezzo: Lombra di Mordor Hands On

Un fantasma si aggira per la Terra di Mezzo

il 18 settembre 2014 (16:20) di
Il gioco
 
Redazione
Aspettativa


 

Se in questo momento ci trovassimo negli anni 90 e stessimo parlando di qualcosa relativo allepica saga creata dalla mente geniale di J.R.R. Tolkien , probabilmente ben pochi si interesserebbero a leggere un articolo in merito. Poi è arrivato lanno 2001, è arrivato Peter Jackson e tutto è cambiato, sia nel mondo del cinema (che ora dispensa fantasy come se piovesse, dopo averlo messo in un ghetto per quasi 20 anni) che in quello dei videogiochi. Gestire un brand come quello di Lord of the Rings è molto difficile per chiunque, sia per la nutrita schiera di appassionati che questo marchio si porta appresso, sia per le evidenti sfide che la trasposizione videoludica di un universo così vasto mette innanzi agli sviluppatori. I ragazzi di Monolith Productions hanno deciso di raccogliere lUnico Anello reciso dalla mano di Sauron, e di creare qualcosa di nuovo ambientato in quel mondo pieno di avventure, di magia e di oscuri poteri sempre pronti a minacciare la vita e la libertà dei popoli che in esso vivono; una storia inedita, che esplora a fondo loscurità della non-morte e delle maledizioni, che ci proietta in un mondo tanto vasto quando permeato di violenza e lotta senza fine. La Terra di Mezzo: Lombra di Mordor si prepara ad arrivare sulle nostre piattaforme di gioco ed abbiamo avuto il piacere di provarlo in anteprima per scoprirne le caratteristiche.

IL PERIODO DI MEZZO

Gli eventi narrati nel gioco si collocano temporalmente tra Lo Hobbit e la trilogia Il Signore degli Anelli e vestiremo i panni di Talion, ramingo umano incaricato dalla città di Gondor di sorvegliare i cancelli della terra di Mordor: viene ucciso insieme alla sua famiglia durante un combattimento dagli orchi uruk servitori di Sauron, allepoca ancora sotto le mentite e piacenti spoglie di Annatar, dedito alla lusinga ed allinganno dei re di tutte le razze. Nonostante le ferite mortali, Talion si risveglia e scopre di essere posseduto da un misterioso spettro che comunica telepaticamente con lui, conferendogli straordinarie abilità e dividendo con lui il suo destino: dovranno entrare nei territori di Mordor e dare la caccia e colui che ha scagliato questa maledizione di immortalità ad entrambi.

ombra di mordor 2

La storia risulta abbastanza semplice se vogliamo, ma il vero punto di forza di questa produzione si può collocare nella varietà del suo gameplay, che ha preso spunti da molti titoli ben noti allutenza mondiale come Assassins Creed, la serie Batman Arkham e la serie Monster Hunter. Nonostante il gioco mostri molte meccaniche già viste nei titoli citati, ha il pregio di vantare una sua identità unica che lo salva dal diventare un mero copia-incolla di caratteristiche vincenti prese da altri giochi: la carta vincente messa in campo dagli sviluppatori è il Nemesis System, che va ad influenzare direttamente la base del gameplay improntata sulla caccia e lassassinio dei vertici militari dellarmata uruk.

Il gioco prende caratteristiche dalle serie Assassin's Creed, Batman Arkham e Monster Hunter, ma invece di copiarle semplicemente le reinventa, inserendole in un contesto reso benissimo sia dall'estetica del gioco sia dal bellissimo Nemesis System

Tale sistema permette una gestione estremamente interessante degli eventi che si verificano durante il gioco: lesercito di uruk è organizzato in una complessa gerarchia che include Generali, Elitè, Comandanti e varie altre cariche legate tra loro da mansioni specifiche. Ogni comandante uruk con il quale ci scontreremo ha determinate caratteristiche e punti di forza/debolezza che si evolveranno con il tempo: se i nostri scontri con lui termineranno in una nostra uccisione oppure in una sua fuga, la nostra nemesi si rafforzerà, imparerà il nostro stile di combattimento e salirà di grado nellarmata diventando ancora più potente e pericoloso. Il discorso si applica ovviamente ad ogni elemento particolare dellarmata nemica, e gli equilibri di potere al suo interno muteranno anche grazie alla natura tipicamente bellicosa e fratricida degli orchi, che inizieranno a sfidarsi ed uccidersi luno con laltro pur di guadagnarsi i favori del futuro Oscuro Signore. Ogni uruk specifico da affrontare dispone di un nome che lo contraddistinguerà e da unaspetto unico per ciascuno, che muterà nel tempo dopo gli scontri con il nostro ramingo aggiungendo bruciature, ferite rimarginate eccetera: un sistema veramente interessante che potrebbe fare la differenza nel giudizio finale su un titolo che, senza queste caratteristiche specifice, potrebbe sembrare un semplice minestrone di cose già viste in altri titoli.

A CACCIA DI ORCHI

La Terra di Mezzo: Lombra di Mordor sembra avere molte frecce al suo arco per far breccia nei cuori degli appassionati della saga di Tolkien, ed oltre allinteressante sistema descritto prima ci sono anche molti altri elementi da considerare, come la possibilità di migliorare con il passare del tempo i poteri e le capacità di Talion: un sistema da RPG che permetterà al giocatore di rendere il protagonista più potente negli scontri aumentando i livelli nelle capacità da Ramingo (spada, arco eccetera) oppure optare per un approccio più furtivo e manipolatore dando la precedenza alle capacità da Spettro.

ombra di mordor 1

Il combat system ricorderà a molti giocatori quello visto nella serie Batman Arkham, con scontri cinematografici, la possibilità di parare i colpi diretti contro di noi tramite la pressione di un tasto che cambierà ogni volta e la capacità di Talion di vedere attraverso alcune pareti usando i poteri da non-morto dei quali è dotato: lunione delle capacità da Ramingo e da Spettro ci consentirà di scegliere ogni volta che tipo di approccio utilizzare, anche perchè ogni missione ed assassinio si riveleranno diversi dai precedenti, date le caratteristiche uniche di ogni capo uruk ed i requisiti necessari per attirarlo alla nostra portata. Il combat system ricorderà a molti giocatori quello visto nella serie Batman Arkham, con scontri cinematografici, la possibilità di parare i colpi diretti contro di noi tramite la pressione di un tasto La grafica ed il sonoro messi in campo sono molto piacevoli a vedersi e a sentirsi, con texture dettagliate ed unottima fluidità grazie un sapiente utilizzo del motore grafico LithTech e musiche leggendarie ed esaltanti ispirate direttamente dalle colonne sonore della trilogia di Peter Jackson. Lunico neo della produzione sembra essere incredibilmente il doppiaggio italiano, soprattutto per quanto riguarda le voci dei capi orchi: voci estremamente sofisticate e forbìte, che mal si adattano a dare lidea di una creatura violenta e selvaggia come un uruk.

Un appunto importante va detto in merito alluscita di questo titolo sia sulle piattaforme attuali che sulle piattaforme old-gen PS3 e Xbox 360: le versioni saranno tutto sommato molto simili, ma a causa dellelevata potenza di calcolo necessaria al funzionamento del Nemesis System, la versione per old-gen avrà un downgrade grafico ed un ridotto numero di uruk selezionabili per lassassinio. Per il resto, gli sviluppatori assicurano assoluta fedeltà di entrambe le versioni.

Un gioco quindi molto particolare, che nonostante a prima vista ricordi meccaniche già abbondantemente viste in precedenza, rivela molto potenziale grazie ad alcune ottime idee messe in campo dagli sviluppatori: ciò che abbiamo visto ci ha convinti e ci lascia ben sperare per il risultato finale di questa nuova, interessante trasposizione videoludica del mondo creato da Tolkien.


Iscriviti al canale di G969:

RedditPocketPrint


Primo impatto
 

La Terra di Mezzo: L'ombra di Mordor si preannunciava come un "more of the same" ma alla fine il risultato che abbiamo toccato con mano risulta una piacevole sorpresa: il Nemesis System rende il gioco vario e piacevole, pieno di sorprese da affrontare. Nonostante molte meccaniche siano simili a quelle di altri giochi del settore, questo nuovo adattamento dell'universo di LOTR sembra promettere molto bene e non vediamo l'ora di provare la versione definitiva!

Aspetti positivi

- Nemesis System molto bello e convincente
- Molto vario, è possibile affrontare le situazioni in modi diversi
- Finalmente un utilizzo degno dell'ambientazione di LOTR

Dubbi e perplessità

- Doppiaggio italiano assolutamente pessimo
- Potrebbero non piacere le caratteristiche deliberatamente prese da altri giochi