Anteprime
0 commenti

Selfie in HD per la genietta di WayForward

Shantae: Half-Genie Hero - Anteprima

il 13 giugno 2015 (6:04) di @zart
Il gioco
 
Redazione
Aspettativa


 

Ero piuttosto curioso di mettere le mani su questo Shantae: Half-Genie Hero sin dal suo annuncio. La serie, nata su portatile Nintendo e giunta di capitolo in capitolo su praticamente qualsiasi piattaforma di gioco negli ultimi anni, mi è sempre sembrata una di quelle hidden gems poco apprezzate dal grande pubblico malgrado i meriti che da sempre può vantare.

Un cast di simpaticissimi personaggi, una protagonista carismatica e un occhio di riguardo per il glorioso passato dei platform bidimensionali sono riusciti a far sbarcare le avventure della genietta Shantae dal passato degli schermi LCD al presente di unera tutta in alta definizione. Il passaggio sarà stato indolore? Per scoprirlo dovrò attendere la versione completa del gioco, prevista nei prossimi mesi, ma intanto posso deliziarmi con una piccola versione dimostrativa promossa da WayForward in occasione dellimminente E3. Il resoconto della mia esperienza tutta salti e trasformazioni potrebbe, tuttavia, alzare qualche dubbio.

È chiedere troppo pretendere di vedere qualcosa di simile in 3D?

È chiedere troppo pretendere di vedere qualcosa di simile in 3D?

Non che questo Shantae: Half-Genie Hero non si dimostri allaltezza del passato della serie, ci mancherebbe, ma il delicato passaggio dalla pixel art allalta definizione ha in qualche modo segnato una netta separazione fra quello che Shantae era e quello che Shantae è. Niente paura: il core gameplay è quello di sempre! Shantae si sposta sempre seguendo un movimento bidimensionale, ma ora in ambientazioni 3D. Queste sono sì, caratterizzate e cartoonesche, ma altrettanto spoglie se confrontate con il tripudio di dettagli inseriti nelle location di capitoli appartenenti al passato della serie, come Riskys Revenge. Se nel remake di Ducktales, sempre ad opera di WayForward, ci potevamo beare di una trasposizione praticamente perfetta delle atmosfera digitale vissuta su NES, lo stesso non si può dire per questa produzione che, nel momento in cui scriviamo, sembra dover ancora lavorare a fondo sulla modellazione poligonale degli ambienti se vuole restituire la ricchezza degli scorci visti negli episodi bidimensionali.

Niente da dire, invece, sulle animazioni disegnate a mano di eroina e nemici, tutti vibranti e resi assolutamente credibili in ogni loro impercettibile movimento. Che i ragazzi di WayForward amassero potersi prodigare in animazioni alla vecchia maniera lo si era già potuto notare nel recente remake di Ducktales e in Mighty Switch Force! Hyper Drive Edition, ma secondo il parere di chi scrive, questo titolo rappresenta lapice qualitativo di tutta la produzione in grado di vantare animazioni nate dallestro di lanciatissimi artisti e le loro prodi compagne tavolette grafiche.


Iscriviti al canale di G969:

Quel che resta, al di là di meri discorsi estetici, è un platform bidimensionale piuttosto classico in cui piattaforme volanti, trasformazioni, blocchi da spostare e sporadici enigmi ambientali la fanno da padrona, seguendo uno stile non poi diverso da quanto conosciuto sino ad ora. Lestrema fluidità, ancorata agli ormai dovuti 60fps, è in ogni caso quel tocco in più che, unitamente allestrema pulizia grafica, rinfresca e rende palpabili i benefici portati dallalta definizione alle meccaniche di gioco. Se i primi due livelli rispettavano il canone platformoso della serie, il terzo vedeva la protagonista impegnata in una discesa rapidissima mentre ostacoli e strapiombi chiamavano i miei riflessi ad agire sul tasto adibito al salto per poterle salvare le graziose forme. Nulla di trascendentale e non molto dissimile da quanto visto nelle recenti iterazioni della serie Rayman sotto forma di livelli musicali, ma sicuramente gradito al netto di una quasi totale mancanza di sfida e di continuità, visto che i tre livelli da me affrontati erano piuttosto brevi e totalmente privi di novità importanti per la serie. Pollice alzato, invece, per i brani inseriti ad accompagnare le mie evoluzioni fra unevoluzione e laltra, pienamente in grado di abbracciare le sonorità orientaleggianti a cui Shantae ci ha da sempre abituato senza allontanarsi troppo dalla grinta tipica delle soundtrack dei titoli WayForward.


Iscriviti al canale di G969:

 


FacebookRedditPocketPrint


Primo impatto
 

Gli sviluppatori hanno voluto rassicurarmi, chiarendo che i livelli contenuti nella build da me provata erano delle semplici versioni beta di livelli che verranno e che questi non rappresentano in nessun modo il prodotto finito. Speriamo che non sia una semplice frase di circostanza e che ci siano ancora speranze di vedere un mondo fatto come Shantae comanda!