Anteprime
0 commenti

Qualcuno ha detto Doom dallalto?

Hellphobia - Anteprima

il 20 giugno 2015 (11:30) di
Il gioco
 
Piattaforma
Redazione
Aspettativa


 

Perchè Doom è piaciuto così tanto? A pensarci bene era un gioco ben strano per lepoca nella quale è uscito, considerati i prodotti tipici ai quali lutenza era da anni abituata. Eppure Doom ha fatto scuola, ha contribuito a creare un genere che tuttora è tra i più apprezzati nel mondo videoludico e sdoganato unatmosfera oscura fatta di morti violente, demoni che vogliono mangiare le nostre carni ed esoterismo malefico, cosa (purtroppo) andata scemando nelle incarnazioni più moderne del brand. I ragazzi del gruppo italiano TeamOmega però hanno deciso di riportare in auge uno stile violento e buzzurro, ma senza rinunciare a citazioni bibliche colte e ad unambientazione oscura che facesse da cornice ad unavventura sanguinosa quanto emozionante. Sprofonderemo nellabisso con Hellphobia ed impareremo che lunico demone buono è quello morto, specialmente se crivellato di proiettili.

LANGELO VENDICATORE

Hellphobia si presenta come un top down shooter, ovvero come uno sparatutto con visuale dallalto, nel quale vestiremo gli inconsueti panni dellArcangelo Michael/Michele (!!) mandato sulla Terra da Dio in persona per affrontare una situazione abbastanza delicata, che richiede tatto e buona strategia: il nostro dovrà appunto sparare a tutto quello che si muove a parte sè stesso, al fine di ricacciare le armate degli inferi nel buco fiammeggiante dal quale provengono. Michael scende dal paradiso pronto a prendere diavoli e diavoletti ahellphobia 1 calci con i suoi poteri sacri ma Dio, che è un noto buontempone, ha deciso di togliere al suo sottoposto tutti i poteri divini per rendere la cosa più divertente da guardare dallalto dei cieli.

Il nostro povero angelo decaduto e declassato avrà a sua disposizione armi di ottima potenza ed una maschera che ricorda il logo di The Punisher, perfettamente integrata nellambientazione che si rivela fin da subito azzeccata: un misto di violenza gratuita a proiettili ed horror sanguinolento in stile anni 90 pieno zeppo di riferimenti esoterici, biblici e della tradizione cristiana. Chi ha avuto modo di apprezzare lo splendido The Binding of Isaac avrà familiarità con uno sparatutto abbastanza complesso, ma Hellphobia è una vera e propria unforgiving experience che metterà alla prova anche i giocatori più stagionati: il livello di difficoltà è parecchio alto e Michael verrà ucciso appena toccato da qualcosa di ostile.

Benchè sia unottima cosa, il livello di difficoltà è reso parecchio pesante anche da alcune scelte di gameplay non esattamente funzionali che finiscono per punire il giocatore in modo brutale: esempio sopra a tutti gli altri sono i mostri che spawnano da fosse che si creano sul pavimento e che mi sono ritrovato spesso addosso senza il minimo preavviso; unanimazione che preannunci (anche di pochissimo) luscita di un nuovo nemico sarebbe utile almeno per evitarmi di morire a caso aumentando il fattore frustrazione inevitabilmente.

UNARMA PER OGNI GUSTO

La demo fornita dagli sviluppatori mi ha permesso di provare il gioco per il primo livello e, dopo aver apprezzato (ed in piccolissima parte detestato) lardua sfida messa in campo, ho testato le armi a disposizione del buon Michael: larma base è un mitragliatore dotato di colpi infiniti, buona cadenza di fuoco ma danni inflitti relativamente bassi. Nonostante il fucile ad energia sia una valida alternativa, larma hellphobia 2base si rivela molto versatile in varie situazioni benchè non possa competere con il potere distruttivo della shotgun, in grado di spappolare un nemico con un solo colpo a distanza ravvicinata. Oltre a tenere gli occhi aperti per le munizioni da raccogliere, Michael potrà avvalersi dellaiuto di mine a tempo disponibili in quantità limitata e dotate di grande potere distruttivo, utili anche per preparare trappole contro nemici particolarmente insidiosi.

Il livello che ho avuto modo di provare vede Michael impegnato nel tentare di sopravvivere in una sorta di mappa urbana infestata dai demoni e cosparsa di pentacoli e teschi: lavanzamento nel livello è caratterizzato dalle numerose sparatorie e dalla ricerca di chiavi di vario colore che permettono di aprire porte della stessa colorazione, così da permettere a Michael di visitare nuove zone.

Esteticamente il gioco si presenta abbastanza bene, anche se è possibile comprendere che il punto di forza che gli sviluppatori vogliono accentuare sia soprattutto il gameplay: Hellphobia è sviluppato utilizzando una versione modificata di Construct 2 ed il risultato è unavventura violenta e piena di sfida che darà ai giocatori più stagionati sensazioni molto anni 90 come dicevo prima. Unico difetto forse è loscurità fin troppo presente e preponderante, molto bella ed evocativa ai fini dellatmosfera ma a volte fin troppo opprimente ed invadente a livello di puro gameplay. Il comparto sonoro è piacevole (soprattutto i temi musicali) mentre gli effetti sonori sono un pò grezzi ma tutto sommato accettabili, soprattutto se ci si lascia trasportare (come ho fatto io) nellatmosfera retrò e sanguinosa.

Per chi volesse seguire il progetto su Steam, ecco il link diretto alla sezione Greenlight!


Iscriviti al canale di G969:

FacebookRedditPocketPrint


Primo impatto
 

Hellphobia è un gioco che può sprigionare un enorme potenziale: la sua struttura arcade, le meccaniche da top down shooter e l'ampio fattore rigiocabilità dato anche dall'elevato livello di difficoltà sono ottime munizioni nel fucile di Michael, tostissimo e taciturno protagonista. Di contro, alcune pecche estetiche e di concetto rendono un gioco già di per sè difficile, inutilmente frustrante in alcune parti. Qualcosa di grezzo è presente anche a livello sonoro e grafico ma le avventure di Michael sono certamente interessanti da seguire...vediamo cosa succederà, ma nel frattempo carichiamo le armi!

Aspetti positivi

- Atmosfera da shooter violento anni '90 ben creata
- Divertente, con ampia rigiocabilità
- Livello di difficoltà e di sfida molto alto...

Dubbi e perplessità

- ...forse fin troppo a causa di alcune scelte stilistiche e grafiche che danneggiano il gameplay
- Comparto sonoro da rifinire