Anteprime
0 commenti

Goetia Hands On

Il fantasma di un buon gioco

il 18 febbraio 2015 (15:10) di @lighting_cloud
Il gioco
 
Piattaforma
Redazione
Aspettativa


 

È disponibile da qualche giorno la demo giocabile di Goetia, un punta e clicca innovativo (sulla carta) sviluppato dai ragazzi di Ynnis Interactive e supportato dallo Square Enix Collective. Sul filo del rasoio la campagna raccoglie i soldi necessari e ho cercato di capire se valesse davvero la pena investirci. Vediamo comè andata.

Goetia è ambientato attorno nel 1941 nella campagna inglese, sullo sfondo la Seconda Guerra Mondiale e i bombardamenti della Luftwaffe. Impersoniamo Abigail, una ragazza che vuole scoprire come mai Blackwood Manor, la sua casa, sia in rovina e perché lei, morta nel 1902, sia diventata un fantasma. Abigail scoprirà presto che 39 anni possono lasciare una ferita profonda nella storia della propria famiglia, ferita dalla quale fuoriescono i demoni più impensati, anche in maniera piuttosto letterale.

goetia1_1

Lidea di avere per protagonista un fantasma è molto interessante, a detta degli sviluppatori, concedendo totale libertà di movimento al giocatore che potrà volare per le stanze e attraversare porte e muri senza preoccuparsi di dover trovare chiavi sparse per il maniero. Questa libertà è bilanciata dal fatto che Abigail, essendo un fantasma, non può interagire direttamente con tutto lambiente ma solamente possedere certi oggetti e farli volare in giro, avvicinarli, combinarli tra di loro. Dopo i primi minuti di gioco acquisiremo labilità di “leggere” i ricordi degli oggetti posseduti e rivelare cose che a prima vista erano nascoste.

Siccome muoversi liberamente fin dallinizio sarebbe stato troppo semplice, Abigail si trova anche a che fare con dei demoni imprigionati tra le mura della casa formando barriere che rendono impossibile laccesso ad alcune zone. La ragazza dovrà trovare un loro simulacro nascosto nelle stanze di Blackwood Manor per poterli liberare e procedere nellesplorazione.

goetia2_1

Ma allora che senso ha essere un fantasma e liberarsi di chiavi e muri? I problemi di questa demo iniziano qui, con lidea originale di fondo che finisce con lessere nullaltro che un pretesto di trama assolutamente non funzionale al gameplay. Tanto più che i controlli “liberi” sono in realtà molto scattosi, con evidenti rigidità nella risposta al movimento del puntatore e imprecisioni nellevidenziare gli hotspot, oltre a un fastidiosissimo bug che ci colpisce ogni volta che possediamo un oggetto e vogliamo cambiare stanza: la sparizione dellhotspot dedicato, che può essere risolta solamente “lasciando” loggetto e possedendolo nuovamente, costringendoci a diversi click inutili e rendendo la soluzione degli enigmi abbastanza frustrante. Enigmi che, per altro, non mi sono parsi assolutamente ben costruiti ma affidati un po al caso e alla fortuna di avere posseduto loggetto giusto nel posto giusto.

Goetia

La storia di per sé è interessante solamente sulla carta, così come sulla carta sono interessanti i riferimenti alle arti oscure e alle evocazioni dei demoni a partire dal titolo che richiama lArs Goetia. In realtà la demo non mostra molto a livello di trama, tranne qualche stralcio di background che però non va oltre ai soliti cliché del caso.

Il vero colpo di grazia, comunque, è stato proprio lapparizione del primo demone ma a questo punto non voglio finire col raccontarvi proprio tutto e vi lascio il link alla pagina Kickstarter del progetto dove potete scaricare la demo e provarla per conto vostro.


Iscriviti al canale di G969:


FacebookRedditPocketPrint


Primo impatto
 

Nonostante la campagna abbia avuto successo, questo mi pare uno di quei casi in cui la pubblicazione di una demo rischia di minare la riuscita del progetto. Il sistema di controllo presenta problemi evidentissimi rovinando l'esperienza di gioco. La storia, appena accennata, non promette alcun tratto innovativo o di sorpresa e non suscita nessuna aspettativa. Leggendone la descrizione su Kickstarter avrei investito volentieri 15$ in questo progetto, ma le promesse di innovazione si scontrano con un gameplay e una trama che sanno assolutamente di già visto. Se questo è davvero un assaggio del prodotto finale allora preferisco spendere i miei soldi in caramelle.

Aspetti positivi

- Atmosfera azzeccata

Dubbi e perplessità

- I controlli hanno bisogno di una revisione
- Quanto mostrato dalla demo pare per nulla innovativo
- Trama al momento poco interessante;