Anteprime
0 commenti

Mondiali FIFA Brasile 2014 Anteprima

Palla al centro. Di nuovo.

di il 24 marzo 2014 (14:01)
Il gioco
 
Piattaforma
Genere
Redazione
Aspettativa
85


 
RedditLinkedInEmailPocket


Larrivo dei Mondiali di calcio è un evento capace di radunare milioni e milioni di spettatori davanti allo schermo, pronti a seguire le imprese della propria Nazionale e chiacchierare delleroismo in campo dei propri campioni del pallone.

Tra una partita e laltra, però, per placare linsaziabile voglia di calcio potrebbe essere necessario accendere la console e prepararsi a quanto di meglio Electronic Arts ha da offrire. FIFA 14 ha sicuramente chiuso al meglio lattuale generazione di piattaforme con un titolo completo, ulteriormente raffinato e godibilissimo, che solamente con lausilio dei nuovi hardware potrà trovare nuovo terreno fertile.

Per loccasione dei campionati del mondo, EA Sports ha però preferito rendere disponibile Mondiali FIFA Brasile 2014 solamente su PlayStation 3 e Xbox 360, con la precisa volontà di venire incontro a tutti quegli appassionati del gioco calcio un po più casual, gli stessi che magari decideranno di acquistare il titolo in virtù del fervore che si verrà inevitabilmente a creare intorno allevento, chiudendo definitivamente il cerchio per poi ricominciare da capo con FIFA 15. Una banale trovata commerciale o il giusto modo per rendere omaggio a quella che negli ultimi anni è diventata la simulazione calcistica per eccellenza?

Toccato di prima

Contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, Mondiali FIFA Brasile 2014 non è esattamente FIFA 14 con le Nazionali e la modalità Road to World Cup, ma si presenta come unesperienza videoludica del tutto differente, che introduce molti elementi inediti al già rodato gameplay della simulazione. Nonostante, per ammissione degli stessi sviluppatori, il titolo sia stato sviluppato pensando quasi esclusivamente a un pubblico che vive il calcio solo occasionalmente, e quindi non agli acquirenti che ogni anno fanno amabilmente la fila per accaparrarsi la propria copia, le meccaniche di gioco non hanno subito alcuna virata verso larcade più sbarazzino, ma, al contrario, hanno limato lottima formula originale aggiungendo alcune interessanti implementazioni che non mancheranno di attirare i fedelissimi della serie.

Parlando di numeri concreti, sono circa 100 le nuove animazioni, che vanno dallo stop di tacco esterno a stop e go rovesciati, oltre a sterzate in velocità più fluide e accessibili, con conseguenti cambi di direzione che non rappresentano più unesclusiva dei top player, un maggior controllo sullo stretto e un ritmo di gioco più veloce, senza però snaturare tutte le novità apportate da FIFA 14.

Modificata anche la routine relativa ai colpi di testa, che rispetto al capitolo settembrino permette ai giocatori in difesa di avere vita più facile, magari anticipando lattaccante pronto al balzo sovrapponendosi senza commettere fallo. Implementazioni notevoli anche per quanto riguarda i corner, che permetteranno di scegliere tra una serie di tattiche tramite pad, utili a garantire una certa vivacità nelle varie occasioni da goal. Semplificata anche la gestione dei passaggi, ora molto meno tecnica, che non mancherà di dare vita a un maggior numero di triangoli e micidiali occasioni in contropiede. Segnare risulta quindi molto più semplice, e capiterà molto raramente di sudare nel tentativo di andare a segno, complice limmutata lA dei portieri, ancora molto in difficoltà nelle uscite in mischia, per quanto questo appuntamento avrebbe potuto rappresentare una buona occasione per rimediare alle mancanze dellestremo difensore, che potrà comunque contare su nuove animazioni soprattutto in ambito rigori, sui quali potrà tuffarsi lasciando molti meno spazi scoperti e che potrà sfruttare alcune abilità poco consone allo scopo di distrarre il tiratore.

Nuovi arrivi

Passando alle nuove modalità a disposizione, bisogna sottolineare che ce ne sono davvero per tutti i gusti. Tra online e offline, si va infatti dalla Road to FIFA 2014 World Cup online a Captain Your Country, passando per la Road to Rio de Janeiro e la divertente modalità scenario, che presenta 60 differenti match e situazioni specifiche in cui tuffarsi per soddisfare le richieste. Di carne al fuoco se ne conta molta e per tutti i palati. La parte del leone la fa, ovviamente, la possibilità di ripercorrere la lunga strada verso il prestigioso trofeo alla guida della propria nazionale preferita, dalle qualificazioni fino alla fase finale, quando 90 minuti saranno il solo ostacolo tra voi e la coppa. Durante il percorso è possibile intervenire, oltre che sugli schemi e le impostazioni dell11 titolare, anche sulle qualità specifiche dei singoli, che grazie al pratico allenamento potranno essere impostate manualmente allo scopo di migliorare solo i parametri capaci di fare una reale differenza in campo. Una buona innovazione che ci auguriamo possa trovare il giusto spazio anche in futuro. Presenti allappello anche le vecchie finali, da vivere con il sorriso sornione di chi sa come è realmente andata a finire, mentre va segnalata lassenza dellUltimate Team, una delle modalità più amate dagli appassionati del pallone virtuale.

Destinazione Brasile

Una competizione mondiale va ovviamente vissuta nel giusto modo, e a questo scopo, per loccasione, i menù e i colori sono stati completamente rivisti per accompagnare al meglio la speciale atmosfera brasiliana, così come la colonna sonora, composta ora da pezzi spensierati e funzionali.

Parlando di numeri, questi sono ovviamente presenti nel solito pacchetto completo al quale EA Sports ci ha da anni abituato. Si contano infatti 203 nazioni e gli allenatori delle Nazionali principali, pronti a darsi battaglia nei 21 stadi a disposizione, alcuni dei quali costruiti da zero e modellati sulla base delle dodici arene brasiliane. Non mancano anche alcune note di colore, come le reazioni degli allenatori a quello che succede sul campo e i collegamenti in diretta con le piazze gremite di tifosi, che non mancheranno di rendere partecipe il giocatore del loro entusiasmo ogni volta che si metterà a segno una rete. Di chiara matrice next-gen sono invece le visuali esterne allo stadio, così come il pubblico presente sugli spalti, rimodellato ad hoc per loccasione e che ora presenta i tipici colori verde e oro della bandiera sudamericana.

Alla luce di quanto riportato finora, Mondiali FIFA Brasile 2014 si presenta esattamente per quello che è: un titolo più semplice e immediato nelle meccaniche di gioco, ma anche portatore di novità che, almeno sulla carta, sembrano essere linizio di una nuova strada da percorrere. Peccato per la mancata occasione di migliorare lintelligenza artificiale generale, che comunque non rappresenta un grosso punto a sfavore, considerando che il punto di partenza, FIFA 14, è al momento la migliore simulazione calcistica sulla piazza, e questa nuova incarnazione rappresenta sicuramente il degno saluto a quella che ormai è già lold-gen.

Lunica perplessità degna di nota riguarda il prezzo pieno al quale verrà commercializzato il titolo, che potrebbe rappresentare un bel deterrente per chi ha già acquistato lultimo capitolo della celebre firmata EA Sports.

Primo impatto
 

Mondiali FIFA Brasile 2014 è un prodotto pensato per un pubblico casual e non lo nasconde. Piglio maggiormente arcade, livello di difficoltà scalato verso il basso e un gameplay fluido e veloce. Nonostante questo, le tante aggiunte in termini di animazioni e il ricco parco modalità, oltre alle solite, tantissime, licenze ufficiali, potrebbero coinvolgere anche i possessori di FIFA 14, sebbene il prezzo pieno rappresenti un deterrente.

Aspetti positivi

Tante nuove animazioni;
Piacevoli aggiunte al gameplay;
Allenamento specifico per i propri campioni;
Modalità per tutti i gusti;

Dubbi e perplessità

Troppo facile per chi ha già salutato le proprie impronte digitali con FIFA 14;
Prezzo pieno;
Nessun ritocco tangibile all'IA;