0 commenti

Splatoon Inkopolis News Analisi delle armi: Marker dassalto Neo e Tinter con Mirino

Mirino e Granate fanno davvero la differenza?

il 23 luglio 2015 (17:23) di
 

Amici di Inkopolis News bentornati! L’augurio di vedere un’ulteriore espansione del contenuto di Splatoon fatto alla fine dello scorso articolo si è rivelato efficace, ed infatti eccoci di nuovo a brevissima distanza dallo scorso rilascio con ben due nuove armi per la nostra ormai fornitissima armeria! Quelle di oggi sono delle espansioni a prima vista piuttosto leggere, che vanno a proporre due versioni alternative di armi che già ben conosciamo senza cambiarne le statistiche di base, offrendo piuttosto un set alternativo per una e un accessorio in più per l’altra. Andiamo quindi a vedere, nell’edizione di quest’oggi, il Tinter con Mirino, versione ad altissima precisione del Tinter a carica, e il Marker D’assalto Neo, ovvero il nostro Marker equipaggiato con un nuovo set di sub e special weapon!

MOLTO DASSALTO, BEN POCO NEO

IMG_20150721_113613

Come anticipato durante l’introduzione le armi di oggi non sono nient’altro che delle versioni aggiornate di armi che già abbiamo ampiamente conosciuto ed analizzato in due diversi speciali precedenti, e che ora si presentano in una versione alternativa. Il primo che andremo a vedere sarà il Marker D’assalto Neo, che condivide con la versione originale il medesimo aspetto e le medesime prestazioni, ma che stavolta presenta, sul serbatoio, l’etichetta che lo contraddistingue come nuovo modello.

Come per la precedente arma la precisione è molto elevata così come il rateo di fuoco, con un danno base di 26.0 che, se coadiuvato da un Damage Up per contrastare le difese nemiche, assicura sempre quattro colpi per splattare l’avversario. Il range di tre spazi permette, come sempre, di tentare lo splat anche da altezze considerevoli e da una distanza di relativa sicurezza.

CHI LASCIA LA STRADA VECCHIA PER LA NUOVA

A queste statistiche, alle quali siamo, come detto, ben abituati, è associato poi il nuovo set di accessori, che vanno a sostituire le apprezzate Appiccibombe e il caotico Bomb Rush, combinazione davvero letale che rendeva il MarkIMG_20150721_113616er d’assalto ottimo non solo per la conquista delle Splat Zones, ma anche per la difesa della torre mobile, sulla quale un’appiccibomba fa sempre da deterrente contro chiunque cerchi di salirvi sopra.
Il set di oggi è, purtroppo, piuttosto blando se paragonato al precedente: al posto delle appiccibombe troviamo infatti le Granate, grossi gavettoni di colore che, pur consumando poco inchiostro e consentendo quindi di lanciarne fino a quattro consecutivamente, infliggono molto meno danno rispetto alle loro ben più potenti controparti a ventosa, attestandosi infatti sui 60.0 a bersaglio pieno, scendendo poi in base alla distanza tra il bersaglio e la deflagrazione.
A sostiuire, poi, la Bomb Rush abbiamo il Turbinator, il potente Bazooka che, col suo range di quasi 7 spazi (6.75 circa), assicura lo splat da grandi distanze e lungo la verticale del piccolo turbine che genera.

UNOCCASIONE MANCATA

Questo cambiamento radicale nel set di armi secondarie permette al giocatore di cambiare approccio nell’uso del Marker, andando a ricoprire un ruolo, se vogliamo, leggermente arretrato ma comunque rapido, grazie al supporto che possono offrire le granate lanciate dalla distanza. Tuttavia, coIMG_20150721_113617mplici la magra potenza e lo scarso raggio delle granate si tende a rimpiangere molto le Suction Bomb, o appiccibombe, soprattutto nelle partite pro in cui sono una delle armi più utili. Stesso discorso si può fare per la Special, che per quanto sia più che utile soprattutto in Tower Control risulta sottotono rispetto alla precedente, portando anche in questo caso a preferire la versione più vecchia.

Per cercare di trarre vantaggio dal nuovo set dell’arma ho composto il mio equipaggiamento associando al sempre necessario Damage Up (staple in quest’arma per evitare di incappare nelle difese dei nemici che aumenterebbero i colpi necessari allo splat) un Bomb Range Up, utile per aumentare, anche se di poco, il raggio d’azione delle granate e un Ink Recovery Up: l’uso regolare delle granate, infatti, impone di doversi ricaricare costantemente, rendendo necessaria la possibilità di velocizzare il processo.

MISCELA CLASSICA, ALTA PRECISIONE

IMG_20150721_113625

Per quanto riguarda invece il Tinter con Mirino il discorso è un po’ diverso. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad un’arma esattamente identica all’originale anche se solo statisticamente, dato che a livello estetico, sul cromato corpo principale del fucile, troviamo montato un grosso mirino di precisione color blu spento, che da’ al Tinter un aspetto davIMG_20150721_113628vero professionale e minaccioso.
Anche se le statistiche sono esattamente le stesse del Tinter a Carica, una piccola differenza la troviamo nel tempo di caricamento del colpo, che complice il passaggio dalla visuale in terza persona a quella dentro lo scope di precisione è di qualche decimo più lento rispetto a prima, passando da circa 1.30 a circa 1.60 secondi.
La vera novità sta proprio in quest’unica particolare aggiunta: la presenza del mirino di precisione, infatti, conferisce a questo fucile una capacità di puntamento davvero straordinaria, rendendolo se vogliamo davvero preferibile alla sua versione base. Per poterlo padroneggiare al meglio è ovviamente necessaria una certa abilità, ma i giocatori veterani, abituati magari ad altri sparatutto più classici, sapranno inanellare diversi splat da grande distanza grazie a questo potente fucile da tiratore scelto.
Con questa potente arma ho prediletto il risparmio e la ricarica efficiente del serbatoio tramite Ink Saver e Ink Recovery Up, utili per appunto aver sempre sotto controllo la riserva di “carburante”, e ho equipaggiato un Ninja Squid per potermi muovere indisturbato e celare il più possibile la mia presenza, cosache, vista la necessità di spostarsi lungo diverse posizioni di cecchinaggio, risulta decisamente utile.

IMG_20150721_113630

Le armi di oggi si sono dunque rivelate piacevoli sorprese, anche se purtroppo non molto innovative, soprattutto nel caso del Marker, che fallisce nelloffire unalternativa valida ad un’arma che per ora rimane decisamente più affidabile nella sua versione originale. Riesce invece nel suo intento il Tinter con Mirino, che propone un accessorio non da poco per quello che continua ad essere uno dei migliori fucili di precisione presenti in Splatoon. Come sempre, cari Calamari, un saluto da Inkopolis News, vi attendo alla prossima per nuove analisi ed approfondimenti!

STAY FRESH!!

LE STATISTICHE IN BREVE

Main: Marker D’assalto Neo
Sub: Granate
Special: Turbinator
Range: Medio – Basso (3/10)
Danno: Basso
Cadenza: Medio Alta
Base Power: 26.0
4 Colpi per Splattare (5 contro Defence Up +1)
VS Defence UP +1: 24.6
VS Defence UP +2: 23.6
VS Defence UP +3: 22.7
Tempo di caricamento Special: 13.35
Tempo di scaricamento serbatoio: 13.01

Main: Tinter con Mirino
Sub: Granate
Special: Calamaradar
Range: Alto (7/10)
Carica: Basso
Praticità: Bassa
Base Power: 40.0/180.0
1 Colpo per Splattare (3 colpi non caricati)
Carica Mirino: 1.60 sec
VS Defence UP +1: 37.9/170.9
VS Defence UP +2: 36.3/163.4
VS Defence UP +3: 35.0/157.5
Tempo di caricamento Special: 7 colpi caricati
Tempo di scaricamento serbatoio: 3.5 colpi caricati


FacebookRedditPocketPrint