0 commenti

Splatoon Inkopolis News Analisi della mappa: Campeggio Totan

Calamari di Montagna

il 27 luglio 2015 (13:20) di
 

Amici Calamari di Inkopolis News bentornati anche quest’oggi insieme a noi per un nuovo approfondimento sul nostro coloratissimo sparatutto, che ancora una volta ci sorprende e delizia con un contenuto aggiuntivo veramente gustoso! Ieri è infatti arrivata sulle nostre console una nuova mappa, uno scenario davvero spettacolare sia a livello visivo, con un panorama finora mai visto prima in Splatoon, e sia a livello di gameplay, dato che ci offre una sfida diversa dal solito grazie a delle particolarità davvero esclusive! Zaini in spalla e scarponi da montagna, Squid Kids, si va al Campeggio Totan!

CampTriggerfish1

ARIA DI MONTAGNA

La mappa che andiamo a vedere oggi rappresenta qualcosa di davvero unico nel panorama assolato e marittimo della città di Coloropoli, dato che ci porta oltre le alte montagne che vediamo all’orizzonte quando guardiamo il panorama dalle alte Moray Towers. Lo scenario di oggi è infatti una struttura in legno costruita lungo un ampio torrente, un solido castello di tronchi in mezzo alle fredde acque di montagna di un fiume sul cui gretto campeggiano con le loro tende Meduse ed Inkling, in cerca probabilmente di frescura e sollievo dal caldo clima cittadino. Tutto intorno al corso d’acqua sul quale sorge lo scenario si staglia una vasta foresta di abeti e pini, e ancor più indietro possiamo scorgere i monti che incorniciano la valle, lungo i quali passano i grandi tralicci dell’alta tensione. Dalla boscaglia fanno capolino altre costruzioni di legno simili a quella dove si svolgeranno le battaglie e, sia in lontananza che in mezzo al fiume, alti totem di legno intagliato torreggiano sulla foresta.

IL FIUME SUPERA IL MARE

A questo colpo d’occhio così bello e rilassante si associa anche una vera sorpresa per quanto riguarda la conformazione di questo ampio parco giochi. Lo scenario di oggi è infatti, per ampiezza, il più vasto tra mappe finora disponibili nella rotation, risultando fin da subito molto lungo da coprire nella sua interezza.
La mappa si apre con un camminamento di legno molto ampio che parte, diritto, in avanti rispetto al sopraelevato Spawn Point. Subito a sinistra, appena scesi dalla torretta iniziale, vi è un altro piccolo ponteggio che conduce, cadendo a strapiombo, ad un isolotto circolare, al centro del quale si alza una piccola piattaforma in legno.CampTriggerfish4

Questo piazzale, ampio e sgombro, rappresenta un punto focale in modalità Turf War, dato che con la sua ampiezza è di fatto una di quelle zone che è importante tenere sotto controllo, visto che fornisce un considerevole ammontare di territorio.
Proseguendo dopo il piazzale e seguendo il piccolo sentiero subito successivo ci ritroveremo di fronte a un muro di legno, scalato il quale torneremo a vedere il ponteggio centrale.
Questo ampio stradone rappresenta appunto la spina dorsale di questa mappa e, seguendolo, ci renderemo conto di come, virtualmente, i due pontili principali (nostro e dei nostri avversari) non si tocchino praticamente mai.

ONE MINUTE TO MIDNIGHT

I collegamenti tra le due macro sezioni dello scenario, che sono come sempre costruite a specchio in modo del tutto identico l’una all’altra, sono infatti composti dalle pericolose grate sospese sul torrente, sulle quali è necessario prestare grande attenzione a non cadere, e da unaltra parte molto importante di quest’ambientazione.IMG_20150724_112606
Alla fine del percorso, dalla parte opposta rispetto allo Spawn Point, si trova infatti un grosso castelletto in muratura che funge da porta, e che permette al giocatore di cadere direttamente di fronte allo Spawn Point nemico, con quest’ultimo, dalla sua parte, impossibilitato a scalarlo per difendersi o per accedere al pontile avversario, visto che non vi sono muri da scalare per poter entrarvi senza fare tutto il giro.
Le cose, tuttavia, cambiano quando, ad un minuto dalla fine della partita, due grosse chiuse di ferro rosso si abbassano dall’alto della struttura, andando a comporre due muri scalabili dai giocatori e fornendo loro un accesso al territorio nemico situato subito dopo il proprio Spawn Point

È chiaro come questa peculiarità, esclusiva di questo scenario, dia origine a repentini cambi di fronte letteralmente dell’ultimo minuto, con gli avversari che, senza dover più andare in fondo al proprio pontile per raggiungere il territorio nemico, sciamano in velocità attraverso il castelletto.
Questo genera spesso un cambiamento immediato nel territorio, con i colori che si invertono di colpo a causa dei due team che abbandono i propri territori in massa per catapultarsi in quello dei nemici. Attenzione quindi all’ultimo minuto di Turf War, prima del quale è necessario impegnarsi a fondo per stabilire fin da subito una leadership solida, rendendo l’invasione finale meno pesante a causa della pressione imposta sul team nemico.

QUANDO LE CHIUSE RESTANO CHIUSE

Nelle Partite Pro le cose appaiono subito diverse. Se in Mischie Mollusche la meccanica delle chiuse dell’ultimo minuto può rappresentare un cambiamento di fronte repentino e un aCampMapccesso rapido ai nemici, in Torre Mobile e Zone Splat i muri sono abbassati fin da subito, permettendo quindi di entrare immediatamente nei pontili avversari e unificando di fatto lo scenario. Ovviamente questo, pur spogliando la mappa della sua caratteristica più peculiare, rende le partite giustamente più equilibrate, offrendo un gioco alla pari per tutti e rendendo attaccabili in modo sicuro entrambi i pontili.

Le Zone Splat, in questo modo, risultano minacciate in egual misura e vanno sorvegliate con attenzione. Le zone si trovano, infatti, nella zona centrale dello scenario, nei due stretti camminamenti principali, coperte da un alto muro dal quale, con una certa abilità, possono calarsi eventuali nemici. L’assalto alle Zones va condotto sempre cercando di abbordare il pontile nemico attraverso i ponteggi di ferro o facendo il giro, da davanti o da dietro, attraverso i due castelli di muratura, rendendo l’operazione quindi piuttosto lunga e difficile. È, come sempre, di grande aiuto sostenere la propria squadra con i Trasferitori, che permettono di raggiungere subito le aree in prossimità della Zona in territorio nemico.

Map_Camp_Triggerfish_Splat_Zones_Overhead

La Torre Mobile, invece, porta allo scenario un cambiamento non da poco. La torretta è posta al centro esatto della mappa, sopra un ponticello di solido metallo che collega, in una zona precedentemente occupata dall’acqua, i due corpi di ponteggio, costituendo un nuovo accesso alle zone nemiche. La torretta, inoltre, per raggiungere i goal posti subito sotto gli Spawn Point, percorre il suo tragitto quasi sempre sospesa sull’acqua, costituendo una costante condizione di pericolo per l’occupante, bersagliato dalla distanza in continuazione. Utile, come dimostrano molti giocatori esperti, è l’uso dello Splash Wall, che funge da scudo durante il cammino della torre verso il suo punto di arrivo.

IL THE DEL SOL LEVANTE

Anche questa volta la nuova mappa ci porta a conoscere una nuova parte del colorato e solare mondo di Splatoon, donandoci uno scenario davvero adrenalinico e strategico, che colpisce nel segno grazie ad una costruzione sapiente e ben studiata in tutte le sue modalità! Chiudiamo l’edizione di oggi con uno sguardo alla Splatfest Giapponese appena conclusasi, che ha messo gli uni contro gli altri i sostenitori del buon The del pomeriggio in due varianti, al limone e al latte, rispettivamente sostenute da Callie e da Marie, e che ha visto levento patrocinato da uno sponsor, con la famosa marca di bevande giapponese Kirin a decorare, col simbolo della sua marca, le due magliette speciali dell’evento! La vittoria è andata al team capitanato da Marie, che porta a casa il risultato con una schiacciante superiorità sia di vittorie che di popolarità!

IMG_20150726_164131

Vi segnalo inoltre un’altra novità di questo Weekend! È di ieri anche lo spot pubblicitario, pubblicato dall’account giapponese Twitter di Splatoon, che introduce alcune delle novità che attendono i giocatori nel prossimo futuro: nel breve trailer, oltre ad un probabile nuovo scenario, compaiono infatti due nuove armi e alcuni nuovi vestiti! Non vediamo l’ora di scoprire come saranno e di studiarli per bene!

https://


Iscriviti al canale di G969:

Amici Calamari, anche per quest’oggi è tutto! Inkopolis News vi aspetta alla prossima edizione per analizzare insieme tutte le novità del nostro sparatutto preferito! A presto e mi raccomando, come sempre

STAY FRESH!


FacebookRedditPocketPrint